IL TUO PATCHOULI

Non ho più sentito quella scia

di patchouli che precedeva il tuo passo lento pesante

gravido. Una brezza irritante sensuale che stringeva

l’aria s’inerpicava su per il naso entrava

nelle narici delle orecchie carezzava i polpastrelli

indugiava dentro la patta dei pantaloni passava

dalla rotula scivolava dal polpaccio via verso altre

fosse delle marianne. Non l’ho più sentita e se la cercavo

mi coglieva di sorpresa la tua grande mano morbida

che accarezza una tempesta

d’incertezze e il rancore della pelle gli scrivo

gli telefono ci facciamo un goccio una giullarata

un sonno ristoratore ma insomma signor lei perché

insiste con le sue deiezioni scrittorie

io sono stitico. Ma sì siamo seri ubriachi spreconi

a cucchiaio piegato buone giornate scendi sei in ritardo

la recensione l’improvvisazione la finzione la pensione

non fumi più vabbè e la sigaretta ti fa pure schifo anarchico

però

quella scia di no profumo di via meccio andata via

che mi faceva trasalire con l’amico fragile che ci ronzava

in testa il negro e il vecchio e il cruccio delle ragazze e

la città lontana e gli spilli fitti dell’amor fou.

Non c’è veleno metropolitano nella tua campagna

spalancata sul mare che ti beve respiri lo spazio

terso del mattino la sera del silenzio la luce ferma

sulle palpebre le nuvole svagate dell’indomani il gracidare

fra le stelle il vento dentro gli alberi la pioggia

della primavera quell’infido sole di maggio

una fragrante stanchezza forse sento il tuo patchouli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FRAMMENTO 1
  Orizzonte dal latino Horizon, che limita. Sottointeso è Kyklos – il cerchio. Una delle possibili destinazioni. Una delle moltissime Read more.
SOSPENSIONE
sospensione non era che svilimento del vuoto e il senso tattile dell’abbandono nello sradicamento del se diverso o tempo inverso Read more.
2/10
Com’è la notte, galileo Chiara, maestà, chiara … Tutta colpa del gatto (se ne sta dietro i vetri a guardare Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.19
Cristalli di enigmi voltarti Lo sguardo retro di chi sa Già marce le gioviali canne Spaziate sul greto del fiume. Read more.
GLACIAZIONI, SPONDILOSI, SINTROMI
Uscendo dall’incontro si presenta la montagna e nel coltroluce la sua criniera di pini ed alberi uno a uno smerletta Read more.
GLI EFFETTI (6)
inesatta ma la] topografia rende la sterilità dei luoghi sterza via come alcune luci incandescenti alcune sàltano e còlano in Read more.
DENTRO / FUORI – 8
Fuori: l’archetipo di un processo incontrollabile, l’apparenza sensoriale e il paesaggio inconoscibile, la rivolta che si tradisce e la follia Read more.
BOCCA
Ho sognato che ero dentista e dovevo togliermi un dente, cercavo altri dentisti ma nessuno voleva togliermelo ed ero costretto Read more.
HO SETTE ANNI
Siamo nello studio. Luci puntate e buio. Con forza e fermezza il dottore mi strappa entrambi i lobi nei quali Read more.