DUEMILAVENTI BIRRE PER FRANCESCO

Ci siamo conosciuti quando venisti ad uno spettacolo la cui frase centrale era “meglio tre papere a teatro che un critico di teatro in un pollaio“.

Ci siamo frequentati per anni rivelandoci le nostre idee – in barba ad un mondo già allora del tutto deragliato, ma pieni di passione nella lotta per le parole che ne potevano scaturire.

Ci perdemmo di vista ma non di senso, quando le sorti ci trasportarono su rive del tutto diverse, infine anche lontane migliaia di chilometri.

Ci siamo rivisti dopo tanti anni, quasi venti. Ridendo e felici. Parlando di Rimbaud e dell’estetica della sparizione. Promettendoci che non sarebbero passati altri vent’anni per rivederci.

Non sapevamo nulla del fatto che doveva essere l’ultima occasione. Ma sono sicuro che oggi, di fronte a questa specie di incoronamento globale, avremmo ancora tante cose da dirci. Naturalmente davanti ad una bella cassa di birra Corona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DI DOMENICA
Mi piace di domenica andare nei paesi dove non conosco nessuno. Come ospite non invitato curiosare fra strade che non Read more.
DIDASCALIE 6
1. Dove finisco io E dove cominci tu Che sei sempre io E pure non lo sei più 2. Una Read more.
AFORISMI IN SOSPESO
siamo il risultato di   un esordiente attempato può ancora   il cane muore dalla felicità dopo aver rivisto   Read more.
(PRIMO E SECONDO ADDIO)
Non esistono addii, al paese: Ci incontriamo e poi ci salutiamo, Alla prossima volta, anno stagione mese – Niente addii, Read more.
FREDDO
A una sconosciuta dal senno lunare.     Poi si è voltata un giro, due tre, la giacca lunga il Read more.
DIVELLERE
possono trasmutare l’uno, e prima ancora la ragione, per forma di malaria. sono situazioni. soltanto Ippocrate sostenne che una quantità Read more.
LACRIMAE RERUM 16
(ripelliniana)   “Lasciatemi in pace, sarabanda di grida, cacofonia di demoni che bussano con facce grifagne ai vetri invocando la Read more.
CHIROMANZIA
Chissà perché scorrono per rincorrersi senza trovare il punto, assetate e incallite, testarde di pieghe. Chissà perché si biforcano e Read more.
NON PENSATECI NEANCHE
Nulla d’insolito in un bar, alle diciannove e trenta, se un uomo e una donna ordinano due spritz senza guardare, Read more.