WRITE A LOT OF BLUE VALENTINES AND KENTUCKY AVENUE TOO

molte le cose vorrei dirle ma si scrivono altrimenti scappano molte le cose si scrivono rituonano fanno scrivere quello che non so ancora di volere dire vedersi non è più bello di non vedersi anche non vedersi non è più bello che vedersi pensare tutto questo non basta per sentirsi bene scrivere non basta non sostituisce quello che vuoi essere una scrittura al vinile la cerchi senza nostalgia solo ascoltando un vecchio lp di tom ti viene in testa ma dov’è finita la scrittura al vinile la testa gira un vecchio 33 si sgomitola nessuno raccoglie il fruscio della lana tieni le mani larghe ferme con la scusa di guardare gli occhi della nonna o di una fidanzatamusicoterapica potrebbe capitare che diventare ciechi sia un piacere il punto g della notte la navetta ci trasborda nella finzione di un film già girato tempo fa dai nostri occhi scavati questo l’ho già visto senti dire da una donna signora siamo al cinema non al supermercato i conti non tornano ma il brioss pandistella è buono quasi quanto il concerto di flauti del mulino bianco e l’ha vinta sulla nostra disperazione una bottiglia di latte stella è la nostra akaba un freno a mano ci rimane in mano la nostra waterloo

 

(da SESCION – 7 Siciliani – I quaderni del Battello Ebbro, Macerata, 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FRAMMENTO 1
  Orizzonte dal latino Horizon, che limita. Sottointeso è Kyklos – il cerchio. Una delle possibili destinazioni. Una delle moltissime Read more.
SOSPENSIONE
sospensione non era che svilimento del vuoto e il senso tattile dell’abbandono nello sradicamento del se diverso o tempo inverso Read more.
2/10
Com’è la notte, galileo Chiara, maestà, chiara … Tutta colpa del gatto (se ne sta dietro i vetri a guardare Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.19
Cristalli di enigmi voltarti Lo sguardo retro di chi sa Già marce le gioviali canne Spaziate sul greto del fiume. Read more.
GLACIAZIONI, SPONDILOSI, SINTROMI
Uscendo dall’incontro si presenta la montagna e nel coltroluce la sua criniera di pini ed alberi uno a uno smerletta Read more.
GLI EFFETTI (6)
inesatta ma la] topografia rende la sterilità dei luoghi sterza via come alcune luci incandescenti alcune sàltano e còlano in Read more.
DENTRO / FUORI – 8
Fuori: l’archetipo di un processo incontrollabile, l’apparenza sensoriale e il paesaggio inconoscibile, la rivolta che si tradisce e la follia Read more.
BOCCA
Ho sognato che ero dentista e dovevo togliermi un dente, cercavo altri dentisti ma nessuno voleva togliermelo ed ero costretto Read more.
HO SETTE ANNI
Siamo nello studio. Luci puntate e buio. Con forza e fermezza il dottore mi strappa entrambi i lobi nei quali Read more.