PRIMAVERA

Gloria del tuo crepuscolo

Saccheggiato dalle rondini

Senza che indelebile

Ne possieda io l’inchiostro

Nello sbuffo dei biancospini

Che si perdono tra i viottoli…

Evolveranno in teschi

Che garriscono gli ordini

Sullo STARNBERGERSEE  dei sibili

Di tuberi già secchi?

Ah, E., il tuo mese è fiele

Ah dei tramonti est

Crepuscoli coi vostri lemuri

April is the cruellest

Month, breeding lilacs out of

The dead land, mixing memory,

Col soffio dei tenui morti

Con l’afflato dei flebili vivi…

Ah delle albe aurora

Che carda la linea degli armoniosi coltivi

Dove vanno, nei corpi smembrati in inedia

A orizzonte di spettri che impagliano sedie

Su in solaio nel tuo distretto pallido principe

Splenetico principe col complemento dubitativo,

Sommessamente emuli

Delle nebbie che affaticano

Gli argentei gattici, i vivi

Sapendosi i cresimandi di morte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DI DOMENICA
Mi piace di domenica andare nei paesi dove non conosco nessuno. Come ospite non invitato curiosare fra strade che non Read more.
DIDASCALIE 6
1. Dove finisco io E dove cominci tu Che sei sempre io E pure non lo sei più 2. Una Read more.
AFORISMI IN SOSPESO
siamo il risultato di   un esordiente attempato può ancora   il cane muore dalla felicità dopo aver rivisto   Read more.
(PRIMO E SECONDO ADDIO)
Non esistono addii, al paese: Ci incontriamo e poi ci salutiamo, Alla prossima volta, anno stagione mese – Niente addii, Read more.
FREDDO
A una sconosciuta dal senno lunare.     Poi si è voltata un giro, due tre, la giacca lunga il Read more.
DIVELLERE
possono trasmutare l’uno, e prima ancora la ragione, per forma di malaria. sono situazioni. soltanto Ippocrate sostenne che una quantità Read more.
LACRIMAE RERUM 16
(ripelliniana)   “Lasciatemi in pace, sarabanda di grida, cacofonia di demoni che bussano con facce grifagne ai vetri invocando la Read more.
CHIROMANZIA
Chissà perché scorrono per rincorrersi senza trovare il punto, assetate e incallite, testarde di pieghe. Chissà perché si biforcano e Read more.
NON PENSATECI NEANCHE
Nulla d’insolito in un bar, alle diciannove e trenta, se un uomo e una donna ordinano due spritz senza guardare, Read more.