I PREFAZI DELLO SCHELETRO

Con due femori una patella un teschio e di scheletro

Un trapezio potrebbe mediante la zappa colossale

O l’urto dal gran cozzo di vanga miserevole

Un becchino senz’arnese soggiornare nella cenere

Che allude al soliloquio del Castello da Gertrude

La pancreatica e da Claudio lo splenetico zittito

Con lo spettro arcidanese che ha un pérone al curaro

E il diamante della milza che raglia come l’asino di

[Abramo?

Vedere milizie schierate, eserciti già schiere

Scrutare nelle viscere battagliere degli a terra vinti

Le vele che solcano le arcipene come Ulisse

Il Peloponneso… Filtrare tutto

Il salino, in guisa redigerne inventari di crusche e semolini

Che saranno anzitempo prima del lievito eucaristie:

Ebbene a ciò basta il pollice sulla coperta a fregi d’oro

Del messale in bella pelle di caracul o di bazzana

Da cui estrae

Polvere togliendone, una volta la pagina divelta, qua

Un torso di prosa, là un distico o un esametro. Si dice,

E qualcuno pensa, che a guardare basti la prontezza

Della vista e se del caso l’audacia che ti offre in suo

Retaggio la rétina che fa turchini i clivi alle cui dolci

Curve si libra il falco che dalla nostra filosofia, Orazio, che

[fu

Di Prometeo, degenera nei lombi della DAMNATIO, che sono

[ancor oggi

Di Morte. Ma davvero potrete mai ragionevolmente

Voi credere che senza queste parole atte a descrivere

Uno stato d’animo che è come lo scudo ad Achille

Siano possibili le diversioni e in primis di udire nella vista

Che non depista e, in secondo luogo, nel crocicchio che ci

[scruta,

Come con potenza olfattiva il fulmine che corre a testa

In giù fin dentro la nostra e l’altrui buca, il dilemma che ti

[evita

La ritenzione del muscolo rettale in specie? Lo dice risoluta

[la firma

Sopra un contratto che è come una assunzione di impegni

Che porta diritti nell’angoscia. Tutto questo senza la

Parola che non ci venne elargita ma nel nartece

Fu sottratta

Da Prometeo agli dèi non sarà indicibile, non si potrà mai

[più indire. E punizione è

Ch’ei si rigeneri nella parete grigia e liscosa del Caucaso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I MIEI TUMULI ROSA
Il signor D. in proposito ci scrive: Dovremmo diffidare delle parole di T. S. Eliot quando nella Terra Desolata racconta Read more.
L’ULTIMA TOMBOLA: 36. La pioggia
La stessa pioggia di giugno che – a rimanervi sotto – cambia. A vent’anni un addio agli orari per il Read more.
(capitolo trentesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
L’architetto: – fijo de mignotta come dire filius … ignotae, credo. Troia? non lo so – la signora bionda: –  Read more.
I DUE PESI
Quale tra duemila discorsi può dirci del nervo che attacca questi corpi anoressici e questi dentisti, questi spasmi alla riproduzione Read more.
FILIPPICA
Le cicale fanno il turno di notte, grippano i timballi insistendo su una minima semicroma e la stampante non cede. Read more.
ALTRI FRAMMENTI (16)
Gli schizzi dell’ultima guerra ci sono giunti in forma di appetito spropositato, di ruderi di edifici bombardati, di narrazioni di Read more.
CINQUE (SU TRE)
  (foto di Rosanna Costantino, 2020) Read more.
IO E LA POLLY – 3
Da piccolo ero capace di infilzare un verme nell’amo. Il verme lo rompevi in due, però ci stava anche intero. Read more.
PESCO AL FONDO AL FONDO TROVO
sepolta dal vivo già  morta disconnetto lo spago dal pacco traslocato dimenticato per anni pesco a fondo al fondo trovo Read more.