I PREFAZI DELLO SCHELETRO

Con due femori una patella un teschio e di scheletro

Un trapezio potrebbe mediante la zappa colossale

O l’urto dal gran cozzo di vanga miserevole

Un becchino senz’arnese soggiornare nella cenere

Che allude al soliloquio del Castello da Gertrude

La pancreatica e da Claudio lo splenetico zittito

Con lo spettro arcidanese che ha un pérone al curaro

E il diamante della milza che raglia come l’asino di

[Abramo?

Vedere milizie schierate, eserciti già schiere

Scrutare nelle viscere battagliere degli a terra vinti

Le vele che solcano le arcipene come Ulisse

Il Peloponneso… Filtrare tutto

Il salino, in guisa redigerne inventari di crusche e semolini

Che saranno anzitempo prima del lievito eucaristie:

Ebbene a ciò basta il pollice sulla coperta a fregi d’oro

Del messale in bella pelle di caracul o di bazzana

Da cui estrae

Polvere togliendone, una volta la pagina divelta, qua

Un torso di prosa, là un distico o un esametro. Si dice,

E qualcuno pensa, che a guardare basti la prontezza

Della vista e se del caso l’audacia che ti offre in suo

Retaggio la rétina che fa turchini i clivi alle cui dolci

Curve si libra il falco che dalla nostra filosofia, Orazio, che

[fu

Di Prometeo, degenera nei lombi della DAMNATIO, che sono

[ancor oggi

Di Morte. Ma davvero potrete mai ragionevolmente

Voi credere che senza queste parole atte a descrivere

Uno stato d’animo che è come lo scudo ad Achille

Siano possibili le diversioni e in primis di udire nella vista

Che non depista e, in secondo luogo, nel crocicchio che ci

[scruta,

Come con potenza olfattiva il fulmine che corre a testa

In giù fin dentro la nostra e l’altrui buca, il dilemma che ti

[evita

La ritenzione del muscolo rettale in specie? Lo dice risoluta

[la firma

Sopra un contratto che è come una assunzione di impegni

Che porta diritti nell’angoscia. Tutto questo senza la

Parola che non ci venne elargita ma nel nartece

Fu sottratta

Da Prometeo agli dèi non sarà indicibile, non si potrà mai

[più indire. E punizione è

Ch’ei si rigeneri nella parete grigia e liscosa del Caucaso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BENESSERE MILITANTE – Scena 3
Poco da dire bocche cucite impasti spritz e tristezza; dal bar del tempo perduto e olive ascolane via uno alla Read more.
URLO 1
quella notte senza luna due grosse ombre seguiteattorniate da piccole ombre guadagnano il viottolo ombre nere la casa insonne ascolta Read more.
ORCHIDEA AFGANA
ci voleva il bisturi di ieri ultimo scorso per capire che la situazione non è tra le più commendevoli sicuramente Read more.
RITORNO A CASA 3
quella folla a mezzogiorno mezzanotte gli sembrò di sentire il duca con guanti in pelle cappello a falde larghe mocassini Read more.
GUARDI NEGLI OCCHI IL FRIGORIFERO
Di mangiartelo il frigorifero di mangiartela la donna che hai chiuso in frigorifero più buona sarà stata la carne di Read more.
CONSIGLI A UN GIOVANE ASSASSINO
Che il tempo non esiste tu lo sai, Annatommasina, e lo sapeva persino Parmenide. L’Essere è immobile. Tutto permane, uno Read more.
IL PROFETA DELLE PERIFERIE (3)
Stephano disse loro: la vostra terra promessa non è qui, dobbiamo andare via… dobbiamo intraprendere un lungo e difficile viaggio Read more.
LA CALMA
Come ai matti veri le gocce per star bravi. Read more.
I MIEI TUMULI ROSA
Il signor D. in proposito ci scrive: Dovremmo diffidare delle parole di T. S. Eliot quando nella Terra Desolata racconta Read more.