(capitolo venticinquesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE

Nel pomeriggio hanno tentano di forzare la porta del mio appartamento. L’architetto ha cambiato la serratura del portone, io quella di casa e devo fare le copie delle chiavi. La signora del negozio mi chiede di ritornare domani, il commesso che si occupa delle chiavi è impegnato. La guardo. Ho tre chiavi in mano. Comprende. Mi fa cenno di seguirla mentre parla al cellulare di una partita di merce ricevuta. Un uomo ci viene incontro e ci indica un altro che si avvicina. Desidera sapere dalla signora se il numero dei colli corrisponde a quello delle fatture. La donna continua a parlare al cellulare e fa segno col capo alle mie chiavi. L’uomo le guarda infastidito, aspetta che le lasci. Insisto, le chiavi mi servono subito. La signora mette via il cellulare e conferma, può occuparsi delle chiavi ma prima vuole che l’uomo ricapitoli  ad alta voce i colli ricevuti: Ananas, banane e mango a posto degli avocado che tuttavia sono presenti in bolla. Sarebbe bene stare più attenti alle consegne e non accettare clienti per copie chiavi, si perde tempo. Non ribatto.  L’uomo cerca le matrici grezze adatte nel campionario. Do una occhiata intorno. Negli scaffali minuteria, ganci, viti, vernici. Un distributore di bibite fuori servizio. Trovate tre grezze, usciamo. Attraversiamo il cortile. Due motocicli smontati, mezza dozzina di  biciclette arrugginite, una vecchia Opel senza ruote è sospesa su quattro mattoni di tufo. Trasuda olio che cola sulla ghiaia. Entriamo in un capannone. Parte del tetto è in fibra di vetro opaca. C’è caldo, alle pareti manifesti pubblicitari con creole rubiconde vestite di frutta esotica, foto di gruppo dei commessi intorno all’albero di Natale, scaffali con faldoni colorati, una scrivania vuota e a terra la macchina, il pantografo duplicatore. L’uomo si accoscia sul pavimento, imposta i morsetti, alza e abbassa, guida la leva per una scala di sibili striduli e stacchi secchi, copia. Lima le barbe, spazza i bricioli, sovrappone nuove e originali, verifica controluce.

– Dieci euro, se non funzionano torni, domani… Lei è dello stesso condominio … –

Dice e muove il capo indicando con un sorriso saccente oltre le mie spalle. Mi volto e dietro trovo  la Visicchio

– Anche lei per chiavi? –

Non mi risponde.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

REPLICHE 1 – CUTTING.
un vizio di forma una cosa formale un rischio di risultato altalenante la si appoggia sopra la lente servire tiepido Read more.
I PREFAZI DELLO SCHELETRO
Con due femori una patella un teschio e di scheletro Un trapezio potrebbe mediante la zappa colossale O l’urto dal Read more.
ULTIME ISTRUZIONI PRIMA DELLA PARTENZA
  “Ricordati di avere sempre in mano qualcosa non importa cosa l’importante è che sia un oggetto contundente pericoloso io, Read more.
BUS STOP USTICA
  (FOTO di Rosanna Costantino, 2020) Read more.
IL VENTO 4 (da Favole del ’68)
la seconda novità é l’eccezionale comportamento diurno dell’awapara l’awapara tampona il mare e blocca l’azione delle spine non disponiamo di Read more.
LO SCALDINO
Più che freddo, frigido: vale a dire un freddo lieve ma pesante di umidità. Una voglia di castagne e chiacchiere Read more.
NECROLOGIA CON ARCO NEI BANANI
Oggi vorrei ricordare due parole: Beccamorto –  Spazzino –  Mongoloide. Vorrei ricordare inoltre che nessuno meglio di Anna Maria Carpi Read more.
ALTRI FRAMMENTI (12)
Per non disturbare il riposo del prossimo occorre muoversi con cautela e limitare i propri movimenti; pertanto, i viaggi nella Read more.
WRITE A LOT OF BLUE VALENTINES AND KENTUCKY AVENUE TOO
molte le cose vorrei dirle ma si scrivono altrimenti scappano molte le cose si scrivono rituonano fanno scrivere quello che Read more.