LOUELLA, LA CHIAMA LEI LA RADIO

Noi, qui, invece, stiamo passando il periodo peggiore. La ferita di Kurt si è infettata e non abbiamo medicinali: la laviamo con acqua che cola dalla grondaia, ma non so fino a quando potrà durare; confidiamo nella sua tempra, che è sempre stato un ragazzo forte. Per mangiare ci aggiustiamo alla meglio. Poca roba, patate. Un po’ di verdura gelata raccolta scavando dietro la casamatta. Per il resto, zero assoluto. L’erba medica ci è finita. Niente legna. Ci scaldiamo alitandoci addosso e abbracciandoci. Freddo, ghiaccio, nient’altro. Ho però una buona notizia da darti, seppure una sola: da due giorni non si sentono più colpi di mortaio e il silenzio finalmente rallegra il cuore, in più soffia un vento da sud che trasporta odore di gelsomino, qui nessuno riesce a capacitarsi. Io e Wilfred abbiamo sentito distintamente la voce del salumiere di Waistelstrasse chiederci se per caso fosse passato da lì il suo garzone. Ma non lo vediamo dal ‘39. Perciò, da quanto tempo saremo morti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BAROCCHE CONSUNZIONI
A Samarcanda il diluvio sottese carezze di lussuria mistica eppure doverosa se comparate con il disappunto domenicale di una Vergine Read more.
DUE PALLINE DI PISTACCHIO
Usciamo. Io e la mia giacca verde sformata, e i miei calzini bianchi marca Verrutet. E’ un vocìo, un’allegra combriccola Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.50
Giorni tardivi fracassano gli anni. Ho pianto il sacrilegio di perderti Aureola quando l’abbraccio Universali rendeva gli scalini. L’orologio batteva Read more.
FUGA DA CASA 4
non dormivo da mesi non ricordavo più l’ultima volta la testa girava attorno al duca una febbre chi era dove Read more.
CODICES INUTILES
be’ no la faccenda è diversa si tratta fondamentalmente di una congettura sin da una prima letta risulta infatti evidente Read more.
(L’OCCHIAIA. 88. “Giorni rubati”)
Scivolo dalla veglia al sonno e viceversa senza più rendermene conto strade vuote muri di cinta sbrilluccicanti sulle sommità irraggiungibili Read more.
SEMPRE FIORISCE LA CORANDA
Nella sua testa vive rannicchiato un cuoco. Helenio Pipoca, si chiama, originario di Valmadrera.  Come ci sia finito, quando e Read more.
da RAPSODIE (20)
muto, atrofizzato, schizzato ovunque dai colori. Fuori i nuclei lamentano, scavano carezze di cuoio e fusi ai simili incendiati, stracciati Read more.
L’ULTIMA TOMBOLA: 87. Le scadenze
Forse la domenica, quando si va ad infilare nella sua galleria sempre più bassa del pomeriggio, poi del tramonto e Read more.