LE MATTUTINE ABLUZIONI

Ogni volta che saliamo al Monte della Terra

Noi traiamo – inclini non a salirvi ma a esservi

Stabili in un’incrollabile dimora: ma come

Può esserlo, un concreto, imperscrutabile? un invisibile

Vivido e percorribile? un celeste propagginabile

Nei nostri sensi? e come, se solidi,

Che niuno possa li crolli, e nemmeno

La freccia di un Re attraversare –

Noi caviamo profitti da una siffatta vedetta

Come fossimo gnomi celesti;

Ogni alba che a lassù noi guardiamo dal punto

Di vista della cruna come a chi, alpinista, allarmi,

A segno ne svetti tetto di cima alpina,

Una vetta che appare, come sposa novella al marito,

Nella pelle non stare e lamentarsene, bussando all’uscio

Del bagno in comune, per le mattutine abluzioni del dio,

Ogni alba siffatta è una striscia perduta in un’evanescenza di luci,

Ma la luce, si sa, è fatta ahimè per svanire…

Ecco accostumarci allora all’ancipite buio,

Enigma della nostra rachide dismisura d’ogni solido metro

E in essa ascoltarvi farsi una, benché ignorandovela,

Quella convinzione di poter toccare al suo più alto grado

Di perfezione l’impietrita solennità della nostra scorbutica cetra.

Ecco perché, porto orecchio al passo di chi adegua

Tutto se stesso nell’adempimento al fratto di Giustizia,

Diremo, con l’inglese, from loin’s executioner…; ecco perché

Porto meglio il cielo del palato alla fossa auricolare dello

Spergiuro per dare lettura del dispositivo della sentenza

Sentiremo sferragliare il mazzo delle chiavi di lui, il

Carceriere, credendo siano le altrui, le nostre mai

Benché prefiche le ortiche, le mandragore assatanate

Al piede del patibolo, e sulle strade vetrificate e sulle viete vie

Le tube magnificanti delle trombe di polvere,

Sollevate dai carri non, disilludetevene, da crollo di montagne,

Il mucillaginoso ovario delle tombe tutt’in asciolvere

Ad opera dell’uomo, ispezionante ostativo il quando,

Al vestibolo d’utero del nome di sua morte, uno spettro lo si

[annoverasse

All’ortica del come di sua sorte!

 

   Sbroglieranno allora l’ingenue ombre ingenuamente tutte le

                                                                                [matasse

Dei vivi coi gran morti come la carestia chi vi s’annoverò

                                                                                [Manasse?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PER UNA CUCINA DADA
storicamente, il motivo principale per l’aggiunta di sale al cibo era la particolare capacità di questo pigmento blu di migliorare Read more.
MANNA PIOVANA (25)
Ottobre. Jazz fine anni cinquanta gondola in laguna tra San Marco e la Salute sagome scure indistinguibili si capisce son Read more.
PROFESSORE SCAPPATO
Arrivo baldanzoso davanti alla porta di casa, comunemente detta uscio di casa. (Non è stato facile, ci son voluti sforzi Read more.
LACRIMAE RERUM 6
“Da qui non si torna più indietro”, disse. “Perché?”, chiese. “Non vedi che puoi abbracciare tuo padre ora?”. E allora Read more.
VERSO
Nascosto fra i panni sporchi, un gatto elettrico ci guarda con i suoi occhi a lampadina gialla, mentre noi due, Read more.
[NOSTRE MENTI COMUNICANTI]
nostre menti comunicanti nervi atrofizzati arrivano a tutto e non riportano riflesso:   e ci propongono nemmeno parodie ma manipolazioni Read more.
PARTE DELLA CATENA GANGLIARE
I più antichi colonizzatori delle terre emerse sembra siano stati i cognomi costituiti da uno scheletro esterno, non quelli con Read more.
CON LA MONETA
Con la moneta corrente di un paesaggio i morti ci ripagano, non vanno, anzi, ritornano qui altrove nei paraggi, sul Read more.
OGNI TABELLINA HA UN SUO COLORE
Ogni tabellina ha un suo colore, come la mattina dalla finestra che va dal blu all’arancione.   Quella del tre Read more.