IL DISTILLATORE SU RUOTE

 

sono dici sempre a un filo dal capire work

in progress ma di scrivere

il libro della vita non se ne parla benché

non me ne lagni né lo dica

d’altronde potesse questo essere il mio

stato perpetuo non vedi la macchia sulla schiena

i calzoni slacciati mi perdo le stringhe

visto l’amore che ti porto scusa

se non rispondo sùbito è che l’archivio

il dottorato gli esami il futurismo il cuoco

giapponese lo spazio per i

libri su libri più ne sballo più non riesco davvero

premorirti sarebbe il peggior

carissimo non è assolutamente un’offesa come

dicono nel caso significa tutor

abbracci fa’ conto

il taglio di luce lilla che mangia l’intelaiatura

guarda come ciba lo spirito ho nella casa

nuova mille anfratti nicchie sembran fatti

apposta tu che sei bravo col legno potresti per caso

il giardino è pieno di prese prolunghe piani

d’appoggio non bastano mai puoi lavarti

alla fonte l’ho fatta con le mie mani vino

sfuso insaccati di Puglia

l’orinatoio è a un passo acqua di pozzo

un bosco di platani ride pensa due volte

al giorno c’è anche un cinghiale di pochi

mesi con gli occhi da filosofo

asciugatoi a iosa io mi siedo e ti guardo

avrai certo notato la cornice sfondata

dalla prospettiva il supporto poverello i lucini

un segno fuoresce dal margine

destro quasi stesse lì ad origliare che so

a spiarci la vinaccia

s’ossida arriva il moschino poi diventa

acida la grappa di vinaccia acida

è schifosa bisogna buttarla il distillatore

dev’essere tempestivo informarsi del giorno

esatto della vendemmia precipitarsi

col trabiccolo dopo averne bene oliate

le ruote dal fittavolo che

l’ospita per una notte è scritto

gli dà tizzi fuoco alambicchi pizzuti

entra

mangia

non te ne curare

senti questo

bevi e quest’altro che dici?

via il guanto scàldati la mano

è mia figlia

ne ho tre e non so quante mogli la piccola

piange polacco hanno un modo tutto loro di

Cutufina sulle tracce del padre àtafo mai visto

l’explicit in Desdemona

dovrei riverniciare le pareti ma di cambiare

casa un’altra volta non se ne parla ne ho incignate

a decine papà diceva sì che del porco

tutto serve ma il letame è inutile

perfino come concime qualcosa vorrà certo

dire staminali eutanasia

il monito del papa a ore 12

che la sincerità sia elemento imprescindibile

è da vedersi senz’altro presso le Vetrerie

un passaggio con l’ombrello

vado a mangiare niente di che un’ala due foglie

d’insalata la mensa costa poco sciarra significa lite

scrivimi ti prego una prefazione

anche di poche righe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

EPISODIO 2 / GIORNI E ORE
Abbastanza inutili i pomeriggi. Qualcuno propone la doppia ora legale, magari in inverno: una in estate, due nella stagione del Read more.
(E’ FUORI DAL TESTO COSI’?)
la funzione metalinguistica permette a un linguaggio naturale di essere usato come codice per la descrizione del linguaggio stesso   Read more.
Oda al dìa feliz non feliz di Pablo Neruda*
    Da qualche parte. Tardo pomeriggio.   Pa: (declama) …di pane e pietra la terra l’aria canta come una Read more.
BARBARELLO
Uscendo al prossimo svincolo dopo la barriera troverete una stazione di servizio non ancora costruita: cartelli impacchettati indicheranno il posto. Read more.
RESIDUI 14
alcuni riferiscono di residuati]       preoccupato perché ràpido-ràpito dai commenti che scattano preoccupato perchè rapido  insistenti  i ritmi Read more.
IL DOLORE 5 (da Favole del ’68)
la carolina gli amini e il crab non possono muoversi – il dolore é immobilizzato dall’esterno – questo é il Read more.
LA LAMPADA
è accesa nella sua mano l’illumina allo sguardo – – – lui vede di lei che non sa – sfondata Read more.
STAGIONE
  Quando che il vespero cede il passo alla compieta, il cielo si fa neramaranto e le foglie della vite Read more.
DONCICCIO DETTO SCAVOSSI IN QUANTO
Scavo al buio sarà notte sarà giorno scavo senza fermarmi nessuna stanchezza alle braccia le piccole falangi ritorte le unghie Read more.