IL DISTILLATORE SU RUOTE

 

sono dici sempre a un filo dal capire work

in progress ma di scrivere

il libro della vita non se ne parla benché

non me ne lagni né lo dica

d’altronde potesse questo essere il mio

stato perpetuo non vedi la macchia sulla schiena

i calzoni slacciati mi perdo le stringhe

visto l’amore che ti porto scusa

se non rispondo sùbito è che l’archivio

il dottorato gli esami il futurismo il cuoco

giapponese lo spazio per i

libri su libri più ne sballo più non riesco davvero

premorirti sarebbe il peggior

carissimo non è assolutamente un’offesa come

dicono nel caso significa tutor

abbracci fa’ conto

il taglio di luce lilla che mangia l’intelaiatura

guarda come ciba lo spirito ho nella casa

nuova mille anfratti nicchie sembran fatti

apposta tu che sei bravo col legno potresti per caso

il giardino è pieno di prese prolunghe piani

d’appoggio non bastano mai puoi lavarti

alla fonte l’ho fatta con le mie mani vino

sfuso insaccati di Puglia

l’orinatoio è a un passo acqua di pozzo

un bosco di platani ride pensa due volte

al giorno c’è anche un cinghiale di pochi

mesi con gli occhi da filosofo

asciugatoi a iosa io mi siedo e ti guardo

avrai certo notato la cornice sfondata

dalla prospettiva il supporto poverello i lucini

un segno fuoresce dal margine

destro quasi stesse lì ad origliare che so

a spiarci la vinaccia

s’ossida arriva il moschino poi diventa

acida la grappa di vinaccia acida

è schifosa bisogna buttarla il distillatore

dev’essere tempestivo informarsi del giorno

esatto della vendemmia precipitarsi

col trabiccolo dopo averne bene oliate

le ruote dal fittavolo che

l’ospita per una notte è scritto

gli dà tizzi fuoco alambicchi pizzuti

entra

mangia

non te ne curare

senti questo

bevi e quest’altro che dici?

via il guanto scàldati la mano

è mia figlia

ne ho tre e non so quante mogli la piccola

piange polacco hanno un modo tutto loro di

Cutufina sulle tracce del padre àtafo mai visto

l’explicit in Desdemona

dovrei riverniciare le pareti ma di cambiare

casa un’altra volta non se ne parla ne ho incignate

a decine papà diceva sì che del porco

tutto serve ma il letame è inutile

perfino come concime qualcosa vorrà certo

dire staminali eutanasia

il monito del papa a ore 12

che la sincerità sia elemento imprescindibile

è da vedersi senz’altro presso le Vetrerie

un passaggio con l’ombrello

vado a mangiare niente di che un’ala due foglie

d’insalata la mensa costa poco sciarra significa lite

scrivimi ti prego una prefazione

anche di poche righe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FRAMMENTO 1
  Orizzonte dal latino Horizon, che limita. Sottointeso è Kyklos – il cerchio. Una delle possibili destinazioni. Una delle moltissime Read more.
SOSPENSIONE
sospensione non era che svilimento del vuoto e il senso tattile dell’abbandono nello sradicamento del se diverso o tempo inverso Read more.
2/10
Com’è la notte, galileo Chiara, maestà, chiara … Tutta colpa del gatto (se ne sta dietro i vetri a guardare Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.19
Cristalli di enigmi voltarti Lo sguardo retro di chi sa Già marce le gioviali canne Spaziate sul greto del fiume. Read more.
GLACIAZIONI, SPONDILOSI, SINTROMI
Uscendo dall’incontro si presenta la montagna e nel coltroluce la sua criniera di pini ed alberi uno a uno smerletta Read more.
GLI EFFETTI (6)
inesatta ma la] topografia rende la sterilità dei luoghi sterza via come alcune luci incandescenti alcune sàltano e còlano in Read more.
DENTRO / FUORI – 8
Fuori: l’archetipo di un processo incontrollabile, l’apparenza sensoriale e il paesaggio inconoscibile, la rivolta che si tradisce e la follia Read more.
BOCCA
Ho sognato che ero dentista e dovevo togliermi un dente, cercavo altri dentisti ma nessuno voleva togliermelo ed ero costretto Read more.
HO SETTE ANNI
Siamo nello studio. Luci puntate e buio. Con forza e fermezza il dottore mi strappa entrambi i lobi nei quali Read more.