DONCICCIO DETTO SCAVOSSI IN QUANTO

Scavo al buio sarà notte sarà giorno scavo senza fermarmi nessuna stanchezza alle braccia le piccole falangi ritorte le unghie riscaldano il sangue gocciola conforta la temperatura della tana riporta in alto le mani dopo averle scaricate di detriti poveri al tatto non identificabili la testa dice larve fossili di pesciolini riso di terra la testa dice polvere di nocciole di albicocche alle unghie non resta guardare non scavano sino a quando le polpastrelle non raggiungono il loro punto di erosione toccherà a loro continuare riprendere portare fuori molliche acide cengie retrattili fino a quando dureranno sono pochi centimetri tre è il massimo poi toccherà alle polpastrelle sviscerare le ossa scavo dove nascono le unghie sono ossa anche loro che si fa per farle ricrescere più infretta scavo con l’impeto del graffio del neonato soffocato nel lettone dal sonno insano dei genitori bambini rubo medagliette da battesimo orologi da prima comunione ostie da cresima denti da cadaveri battezzo col sangue me scavatore il fangocemento che tappa gli occhi ma inutilmente frena l’alacre sueggiù delle mani sputo bile sputo saliva sputo aria sputo sangue lavoro sperando nella volpe rossa che con un tuffo penetra il ghiacciaio fionda con il muso la tana rendendomi finalmente libero scavo in silenzio per non farmi sentire per non tornare libero scavo il vuoto che tappa le orecchie e non fa sentire le volpe il freddo ma il cuore che palpita fuori dalla sua sede naturale sulla punta delle ossa che scorticano questa roccia morbida che si sostituisce alle defunte polpastre batte in stereofonia dieci marsigliese diverse alla presa alla presa adesso con i buchi svizzeri della pietra pomice alla presa con un coro di peli che mi urlano nelle orecchie non sentire scava scavo con le orecchie accapponate sui peli come tortellini amburghesi un liquido saponoso dopo la rottura di un ossetto del mignolo mi allaga la bocca così scopro che le ossa hanno un’anima la ingoio senza piacere non ho tempo per il piacere mangio ogni ostacolo pur di finire di scavare anche se scavare ora è soltanto continuare scavo con la lingua risvegliata dall’anima dell’osso scavo con la lingua che vuole scappare dalla bocca scavo assetato con la lingua che non digerisce l’anima dell’osso e l’ha fatto scivolare in zone della gola così simili uguali alla tana che sto scavando per non uscire fuori solo per liberare il mio naso dagli insulti di un maledetto raffreddore di stagione ormai finito scomparso seccato un ossopollice ha rotto il setto nasale è fuoriuscito da un occhio fu il destro

 

(da SESCION – 7 siciliani – I Quaderni del Battello Ebbro, Macerata, 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HABITUS
Rattan  palm con o senza spine? Oggi non sono più una brava ragazza dal dis-livello ad interim, inciampando sulle questioni Read more.
FENICOTTERI
Scivolo e cado, mi rialzo e cado di nuovo. Ridono – i merdoni. Mi sanguina un ginocchio. Mi guardo nella Read more.
BENESSERE MILITANTE – Scena 3
Poco da dire bocche cucite impasti spritz e tristezza; dal bar del tempo perduto e olive ascolane via uno alla Read more.
URLO 1
quella notte senza luna due grosse ombre seguiteattorniate da piccole ombre guadagnano il viottolo ombre nere la casa insonne ascolta Read more.
ORCHIDEA AFGANA
ci voleva il bisturi di ieri ultimo scorso per capire che la situazione non è tra le più commendevoli sicuramente Read more.
RITORNO A CASA 3
quella folla a mezzogiorno mezzanotte gli sembrò di sentire il duca con guanti in pelle cappello a falde larghe mocassini Read more.
GUARDI NEGLI OCCHI IL FRIGORIFERO
Di mangiartelo il frigorifero di mangiartela la donna che hai chiuso in frigorifero più buona sarà stata la carne di Read more.
CONSIGLI A UN GIOVANE ASSASSINO
Che il tempo non esiste tu lo sai, Annatommasina, e lo sapeva persino Parmenide. L’Essere è immobile. Tutto permane, uno Read more.
IL PROFETA DELLE PERIFERIE (3)
Stephano disse loro: la vostra terra promessa non è qui, dobbiamo andare via… dobbiamo intraprendere un lungo e difficile viaggio Read more.