(capitolo ventunesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE

Trovo l’architetto alle prese con un armadio,  un pezzo di antiquariato. Lo specchio che stava dove ora è l’armadio deve essere sistemato nella parete di lato sopra un cassettone.  Dobbiamo essere in due a sollevarlo ma alla fine è collocato. Possiamo parlare. Mi invita a bere qualcosa.

– no, grazie – Vuole comunque che lo segua in cucina. Apre il frigorifero sceglie una bottiglia, la stappa, si serve un bicchiere di vino bianco. Mi indica uno sgabello:

– allora? – accenna un brindisi:

– buono, sicuro di non farmi compagnia? – Rifiuto per la seconda volta, beve un sorso. Mi dedica un secondo brindisi, svuota il bicchiere, lo posa sul tavolo accanto alla bottiglia, ritorna al frigorifero e tira fuori olive, piatti con fette di melanzana arrostite, pesce spada e salmone affumicato. Consuma senza fretta.

– e allora?

– quali previsioni per la fine dei lavori?

– tempo e comunque meno del previsto

– l’andare e vieni è diventato insostenibile…

– Gli operai sono a buon punto…

si interrompe. Posa il tovagliolo sul tavolo. Si alza, va a cercare in una scansia. Tira fuori tra libri e ricettari una pubblicazione, il fascicolo del centenario dell’accademia, lo apre, certo di essere alla pagina giusta, mi mostra una foto di gruppo: sala di pittura Studenti tra un professore, un monaco e una donna. Dice:

– il maestro D’Alberto e la supplente di icone … li ha mai visti nel palazzo?

– No

– La Visicchio insiste perché confermi le visite della supplente Chiara Desco, qui a casa mia.

– E perché?

– perché ha insegnato in Accademia.

– Potrebbe andare a farsi leggere le carte da Gina.

– Appunto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CONSIGLI A UN GIOVANE ASSASSINO
Che il tempo non esiste tu lo sai, Annatommasina, e lo sapeva persino Parmenide. L’Essere è immobile. Tutto permane, uno Read more.
IL PROFETA DELLE PERIFERIE (3)
Stephano disse loro: la vostra terra promessa non è qui, dobbiamo andare via… dobbiamo intraprendere un lungo e difficile viaggio Read more.
LA CALMA
Come ai matti veri le gocce per star bravi. Read more.
I MIEI TUMULI ROSA
Il signor D. in proposito ci scrive: Dovremmo diffidare delle parole di T. S. Eliot quando nella Terra Desolata racconta Read more.
L’ULTIMA TOMBOLA: 36. La pioggia
La stessa pioggia di giugno che – a rimanervi sotto – cambia. A vent’anni un addio agli orari per il Read more.
(capitolo trentesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
L’architetto: – fijo de mignotta come dire filius … ignotae, credo. Troia? non lo so – la signora bionda: –  Read more.
I DUE PESI
Quale tra duemila discorsi può dirci del nervo che attacca questi corpi anoressici e questi dentisti, questi spasmi alla riproduzione Read more.
FILIPPICA
Le cicale fanno il turno di notte, grippano i timballi insistendo su una minima semicroma e la stampante non cede. Read more.
ALTRI FRAMMENTI (16)
Gli schizzi dell’ultima guerra ci sono giunti in forma di appetito spropositato, di ruderi di edifici bombardati, di narrazioni di Read more.