(capitolo ventiduesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE

Aperitivo al Zenit pub, una signora bionda, Sasà, l’architetto stappa una bottiglia di vino bianco, Sasà:

– la modella si è fatta monaca –  l’architetto:

– chi? … –

-La modella dell’accademia … Paola –

-Come lo sai? –

– L’ho vista insieme ad altre suore – la signora bionda:

– posava? –

– Scherzi? Si è persuasa a dipingere icone – La signora insiste:

– Con i dolcetti? – Sasà seria:

– Non lo so, una docente l’ha convinta a partecipare ad un corso di … – l’architetto:

– Iconografia bizantina … Mi vuoi dire che poi l’ambiente le è piaciuto ed è rimasta?-

– Forse, novizia, suora, non so, io vado alle funzioni ortodosse e l’ho vista. Piuttosto … –

– … piuttosto? – l’architetto curioso.

– … sai, mi sarebbe piaciuto prendere il suo posto in accademia – la signora:

– … invece … Sei un po’ su di peso? –

– No, non c’entra, un po’ di pancia mi serve – l’architetto:

– c’è un’altra che ha preso il suo posto – ancora la signora:

– Potresti andare anche tu al corso di iconografia … e poi le suore fanno anche i dolcetti – Sasà:

– e i fioretti quando non li mangiano – la signora con tono saputello:

– Dolcetti e mostaccioli ingannano le bimbe e se le portano in convento – e l’architetto sottovoce:

– santificano gli appetiti

– Allora la differenza tra troia e Minosse?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BAROCCHE CONSUNZIONI
A Samarcanda il diluvio sottese carezze di lussuria mistica eppure doverosa se comparate con il disappunto domenicale di una Vergine Read more.
DUE PALLINE DI PISTACCHIO
Usciamo. Io e la mia giacca verde sformata, e i miei calzini bianchi marca Verrutet. E’ un vocìo, un’allegra combriccola Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.50
Giorni tardivi fracassano gli anni. Ho pianto il sacrilegio di perderti Aureola quando l’abbraccio Universali rendeva gli scalini. L’orologio batteva Read more.
FUGA DA CASA 4
non dormivo da mesi non ricordavo più l’ultima volta la testa girava attorno al duca una febbre chi era dove Read more.
CODICES INUTILES
be’ no la faccenda è diversa si tratta fondamentalmente di una congettura sin da una prima letta risulta infatti evidente Read more.
(L’OCCHIAIA. 88. “Giorni rubati”)
Scivolo dalla veglia al sonno e viceversa senza più rendermene conto strade vuote muri di cinta sbrilluccicanti sulle sommità irraggiungibili Read more.
SEMPRE FIORISCE LA CORANDA
Nella sua testa vive rannicchiato un cuoco. Helenio Pipoca, si chiama, originario di Valmadrera.  Come ci sia finito, quando e Read more.
da RAPSODIE (20)
muto, atrofizzato, schizzato ovunque dai colori. Fuori i nuclei lamentano, scavano carezze di cuoio e fusi ai simili incendiati, stracciati Read more.
L’ULTIMA TOMBOLA: 87. Le scadenze
Forse la domenica, quando si va ad infilare nella sua galleria sempre più bassa del pomeriggio, poi del tramonto e Read more.