CANTICI DELLO STAGNAIO II

seduto sullo scalone

di un mulino abbandonato

guardo l’interno di una salumeria

l’impiegato che affetta

l’ambiente

illuminato dai neon

le persone che guardano

nell’attesa

come se guardassero una spiaggia

dall’interno di una prigione

 

una settantenne e passa

con un cappottino rosso

un uomo taciturno

con il viso butterato

un pensionato tortuoso

una madonna con bambino

un cagnolino accucciato

 

e intanto

l’impiegato affetta

o grattugia

finisce di affettare

o di grattugiare

incarta

evoca silenziosamente

uno scontrino

chiede

chi è il prossimo

risponde con un cenno

al saluto di chi se ne va

 

dopo aver pagato

alla cassa

chi se ne va

una volta fuori

diventa un’ombra

che si confonde

col buio

a uno a uno

escono tutti

e tutti

a uno a uno

si confondono

col buio

 

seduto nel buio

guardo l’interno della salumeria

dopo che tutti i clienti

sono spariti

e vedo il padrone in camice bianco

seduto alla cassa

fissare la cassa affranto

come se la cassa fosse

una cassa da morto

o la sua casa di scapolo

o una torta di mele

andata a male

e vedo anche l’impiegato

che pulisce curvo

i coltelli e l’affettatrice

che passa lo straccio

alla fine

sulla vetrina

dei formaggi e dei salumi

la fine non sarà subito

pensa

pulendosi le mani

dando le spalle

all’assenza del prossimo

e al buio

del mondo

al buio

mondo

di fuori

 

(da SESCION -7 siciliani – I Quaderni del Battello Ebbro, Macerata, 2013)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

(E’ FUORI DAL TESTO COSI’?)
la funzione metalinguistica permette a un linguaggio naturale di essere usato come codice per la descrizione del linguaggio stesso   Read more.
Oda al dìa feliz non feliz di Pablo Neruda*
    Da qualche parte. Tardo pomeriggio.   Pa: (declama) …di pane e pietra la terra l’aria canta come una Read more.
BARBARELLO
Uscendo al prossimo svincolo dopo la barriera troverete una stazione di servizio non ancora costruita: cartelli impacchettati indicheranno il posto. Read more.
RESIDUI 14
alcuni riferiscono di residuati]       preoccupato perché ràpido-ràpito dai commenti che scattano preoccupato perchè rapido  insistenti  i ritmi Read more.
IL DOLORE 5 (da Favole del ’68)
la carolina gli amini e il crab non possono muoversi – il dolore é immobilizzato dall’esterno – questo é il Read more.
LA LAMPADA
è accesa nella sua mano l’illumina allo sguardo – – – lui vede di lei che non sa – sfondata Read more.
STAGIONE
  Quando che il vespero cede il passo alla compieta, il cielo si fa neramaranto e le foglie della vite Read more.
DONCICCIO DETTO SCAVOSSI IN QUANTO
Scavo al buio sarà notte sarà giorno scavo senza fermarmi nessuna stanchezza alle braccia le piccole falangi ritorte le unghie Read more.
da RAPSODIE (14)
bolle chiazzate d’icore sguittano sottili caprici dermici di cefeidi assorbono e limano nubi sinterizzate – gorgano circhi perlinati – Read more.