SCANNACANE

Quello che non riesco a comprendere da un po’ di tempo mi precipita in una quasi-disperazione. E temo vada sempre peggio. E’ che vorrei avere una visione più logica di quanto mi sta succedendo, che ne so, avere la prontezza di afferrare i problemi che avevo a quarantanni, quando tutto  mi appariva talmente chiaro da darmi adrenalina a chili. Qui ora, invece, sfioro col palmo l’anca della mia amante e sento niente. Le lecco i piedi e ci capisco niente. Niente mi arriva di tutta quell’elettricità che arrivava quando bastava soltanto la sentissi aprire la porta. I miei più cari amici sono andati in pensione, altri sono morti da tempo, altri ancora, come Ypsilon, per esempio, sono neanche più un grumo di cenere e hanno niente da dire ormai: non sento nessun cielo in travaglio, infatti, mentre la mano di lei mi esplora la coscia, né credo mia moglie avverta a contrappunto il sibilo di alcuna serpe. E’ tutto molto più tragico che epico. Ma questo è. Così mi trascino di sconforto in sconforto, stasera: tolgo una macchia qua, levo un ciuffetto di capelli là, vado di scompartimento in scompartimento senza trovare posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BAROCCHE CONSUNZIONI
A Samarcanda il diluvio sottese carezze di lussuria mistica eppure doverosa se comparate con il disappunto domenicale di una Vergine Read more.
DUE PALLINE DI PISTACCHIO
Usciamo. Io e la mia giacca verde sformata, e i miei calzini bianchi marca Verrutet. E’ un vocìo, un’allegra combriccola Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.50
Giorni tardivi fracassano gli anni. Ho pianto il sacrilegio di perderti Aureola quando l’abbraccio Universali rendeva gli scalini. L’orologio batteva Read more.
FUGA DA CASA 4
non dormivo da mesi non ricordavo più l’ultima volta la testa girava attorno al duca una febbre chi era dove Read more.
CODICES INUTILES
be’ no la faccenda è diversa si tratta fondamentalmente di una congettura sin da una prima letta risulta infatti evidente Read more.
(L’OCCHIAIA. 88. “Giorni rubati”)
Scivolo dalla veglia al sonno e viceversa senza più rendermene conto strade vuote muri di cinta sbrilluccicanti sulle sommità irraggiungibili Read more.
SEMPRE FIORISCE LA CORANDA
Nella sua testa vive rannicchiato un cuoco. Helenio Pipoca, si chiama, originario di Valmadrera.  Come ci sia finito, quando e Read more.
da RAPSODIE (20)
muto, atrofizzato, schizzato ovunque dai colori. Fuori i nuclei lamentano, scavano carezze di cuoio e fusi ai simili incendiati, stracciati Read more.
L’ULTIMA TOMBOLA: 87. Le scadenze
Forse la domenica, quando si va ad infilare nella sua galleria sempre più bassa del pomeriggio, poi del tramonto e Read more.