GINO NORMALE

Io volevo fare il tordo morto. Lo spigolo di calcestruzzo. L’acqua che spruzza quando ci passa sopra un’automobile. La pigna abbandonata. La foglia di eucalipto sminuzzata. E forse – solo forse – persino il tabacco pressato in una pipa. Ma mai e poi mai avrei voluto essere quello che sono: un cacciavite americano. Purtuttavia, rassegnato, ho lasciato che le cose seguissero un certo loro corso naturale convinto come sono che tutto tende a un ordine stabilito. Così, ogni mattina, io e la mia famigliola di cacciaviti ci avviavamo al lavoro, che consiste come saprete in piccole riparazioni ordinarie: il soffione di una doccia che si è allentato, la placchetta di un interruttore che va cambiata, l’antina di una cucina che va sistemata. Amen.  Poche emozioni insomma, vita grama. Non fosse che una sera una mano mi prende di sopravvento e mi scaglia con forza nella gola di una  signora. Non conosco i particolari, il perché e il percome voglio dire, ma ho sempre davanti agli occhi quella scena che mi cambiò la vita: full immersion nella carne viva, bella calda calda e fiottante, venti volte avanti e indietro fino all’impugnatura. Mai fatto prima. Altro che il gelo innaturale di una vite. Avreste dovuto vedere lei come rantolava, e il sangue che spruzzava beato dalle mie quattro scanalature.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’ERGASTOLANA
E’ arrivato l’autunno. Ma lei testarda se n’è rimasta silenziosa sotto l’ombrellone. Le ho passato un plaid, si è rannicchiata, Read more.
06.59. AM. SCUSA UN MOMENTO, IO VOLEVO ENTRARE NEL TUO MONDO
Allora leggo: scusa un momento, io volevo entrare nel tuo mondo, che non era caratteristiche belle e buone, ma un Read more.
CONCLUSIONE
l’imperatore cinese ha torto, gettandosi. brucia come un cespuglio. è per fede.   non si distingue più la scena, gli Read more.
GELICIDIO
Piove a pulviscolo che bagna tutta la giacca – però piano, che non sembri. Piove a scroscio che inzuppa fino Read more.
GLI ALTRI – n.18
ti ho conosciuto col phone sparato sui piedi. Per asciugarli, dopo la doccia. Adesso ti rivedo e il phone è Read more.
OSTRUZIONI 2
l’incendio igienizzante quindi la superficie della terra della terrazza galleggiano per estremi] sàltano le mani [nota al campione pervenuto da Read more.
COPULAZIONE
In brevi formule nascoste lunghe facoltà di qualificazione e abilità di sostanziare le potenze e sgrammaticarci tutti   Se ogn’altra Read more.
LE DUE SIGNORE
una passeggiata tra 91 e 96 anni movimenti lenti incollano l’aria a carezze funamboliche da mani ossute viottoli pietrosi fuori Read more.
TRANSIZIONI – 2
attraversa incolume la strada nel sole forestiero dell’estate. vieni dici con me al limite sul marciapiede opposto. e resto a Read more.