CAMPI DEI NON BEATI

Al numero 78 di Halsford street – a Winchester, nel Regno Unito – in una casa dei primi del novecento, vive il signor Malcom McCumber dei McCumber di Winchester, ciabattino in pensione. Un uomo – nonostante la mancanza di studi appropriati – conosciuto in tutto il quartiere per le sue riflessioni particolarmente profonde. Il più grande dei suoi dilemmi, da che ha acquistato la facoltà di porsi problemi, diciamo quindi fin dalla sua adolescenza, è sempre stato il seguente: perché io, solo io e nessun altro, sono Malcom McCumber dei McCumber di Winchester? e come mai, invece, io non sono nato qualcun altro? Domanda alla quale, ovviamente, né lui né altri hanno mai saputo rispondere. Raggela, certo, se pensa come l’abbia scampata bella a non essere nato, che ne so,  Goeffry Blomber, il dirimpettaio di centocinquanta chili, o Daniel Loryell, che vive proprio due case sotto, giocatore abietto e sconsiderato. E pensa di essere stato fortunato, tutto sommato, a essere nato quello che è. Ma questo non attenua l’entità del quesito, ne risolve semmai solo una parte, e il dubbio – nel suo aspetto drammatico – continua a roderlo anche nella vecchiaia. Da ultimo assumendo addirittura il sembiante dell’ossessione. Per esempio quando la sera la moglie gli prepara il solito pediluvio e lui, prima di chiudere gli occhi e abbandonarsi a quel piacere infinito, si domanda sempre più spesso cosa sarebbe stato se fosse nato padre, fratello, o figlio di sé stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CONSIGLI A UNA GIOVANE ASSASSINA
Sfodera la tua arpa da fuoco e colpisci. È arrivato il tuo tempo, Annavanessa. Il tempo di quelli. Non farti Read more.
DISEGNI D’INVERNO
Dimmi dal colle l’infinito avvento; inaugurazione Gela il suo vuoto di cera persa un croccante sottozero   Come promessa il Read more.
QUEI DUE GIOVANI
Quei due giovani immersi in una chiocciola di parole belli pensosi arroganti li tratteggio si sfumano come mandorli in primavera Read more.
ALTRI FRAMMENTI (4)
Per primo ha eliminato dall’appartamento ogni traccia riconducibile alla moglie, affastellando in una stanza ogni oggetto, abito, alimento, profumo a Read more.
ESTIZIO (da Favole del ’68)
il pulitore nel clado che non si dorme nell’acqua che non si bava nella suona che non ha finestre tutto Read more.
CORO
“è il tempo più grigio e dolce dell’anno, prima ancora che brilli la bacca improvvisa dell’inverno” A Bertolucci dormire con Read more.
UNA MASSA “JOCKERISTICA”?
… così imbastivo la mia dialettica per un massacro (anch’esso dialettico)… per parafrasare Stefano D’Arrigo: dentro più dentro dove la Read more.
(L’OCCHIAIA. 84. “Bipedi 9”)
Come un cagnolino obbediente, sta con affanno dietro al frettoloso mazzetto di lilium appena acquistato tenuto discosto dalla scritta fucsia Read more.
PUDORE (Decency)
Così, se occorrerà spiegare nuovamente tutto dall’inizio, se saremo ancora lì, faremo allora come fa un mattino, un passo dietro Read more.