LA PAROLA MAIONESE

Succede che a un certo punto l’uomo inizi a proteggere il proprio organismo. Realizza si tratta del bene più prezioso e mette in campo ogni forza per garantirne la sopravvivenza, in una difesa, che da allora in poi, lo impegnerà tutta la vita. Si tratta di un impulso primordiale o è il frutto di una decisione consapevole che avviene, magari, addirittura in un momento preciso? Per molti passa la prima ipotesi, per altri la seconda, non meno seria né meno fantasiosa, per quanto mi riguarda. Di fatto non abbiamo una risposta, definitiva almeno, e questo è tutto. Ma si ponesse la questione in termini diversi: attribuire all’organismo umano un compito a prescindere dall’uomo che lo possiede, mandando a ramengo ogni teoria, compreso il concetto di “competizione gerarchica” che è l’unico motivo che spingerebbe gli umani a proteggere i loro organismi; si ipotizzasse un uomo educato fin dal grembo materno a sentirsi un cane da compagnia – a zero bisogno di competizione quindi –   che sia convinto veramente di esserlo però, non troveremmo in lui, per questo, nessuna ridotta capacità di difendersi da un virus o da qualunque altra minaccia di un qualsiasi altro uomo, né lo sentiremmo meno motivato degli altri a andare avanti nella sua propria esistenza. Ovvero: il suo organismo metterebbe in campo tutte quelle difese tipicamente umane anche senza la sua non consapevolezza di essere uomo. Per questo quando vi porteranno il secondo Campari, sotto un chiaro di luna tra i più deliziosi, sappiate che quel drink può esistere solo in due modi: o perché esiste a prescindere, o perché siete voi a crearlo mentre lo state ingollando. Il che non modifica di una virgola il suo sapore. Né la forza delle vostre prossime strette di mano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI FRAMMENTI (17)
un altro diversivo alle ordinarie occupazioni è il sostare davanti le fermate dei tram fingendo di attenderne uno in arrivo Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n. 48
Putrefatto sibilo Ci si sfalda in morte Cenerella la stella Per importanza fatua. Oblio a catena Partorisce aria fosforica Famelica Read more.
VARIETY (4 tempi sincopati) – 3
si scarica la batteria piena di tossine immobile salva le mezze misure perché di pazienza meccanica si tratta Read more.
19/10
Tutto trabocca e scivola via con estrema leggerezza (entrando nella stanza) Mala- gioia, quasi il cuore si spezzasse in due, Read more.
AL MONDO
Al mondo esistono persone che non sanno più distinguere fra vero e falso: ecco perché indossano il proprio volto (quello Read more.
IN POMERIGGI ASSOLATI
In pomeriggi assolati d’ombre corte, bui cameroni conservano l’istante e rintoccano servizi d’ore morte, nel fresco dormiveglia dell’infante. Read more.
LA DONNA RECITA
La donna recita requimeterne all’acqua pazza. La bambola con la testa in bachelite e il bottone sulla pancia cospira ma Read more.
FARFA
Fonte in cortile, forme umane, platani e vento   In bilico sulla vasca dei pesci raccogliete foglie di platano, fili Read more.