DALLA FINESTRA

Ciao, dice sorridendomi mentre cadono madonnine dal cielo, statuine d’avorio con le labbra di fragola e la veste turchina. Vengono giù planando sulle nostre mani in attesa. Poi terra che spurga dalla bocca del vulcano corrente di risacca pesci che volano senza ali ali che volano senza angeli denti che parlano senza bocche siamo lì e siamo qui rotoliamo giù dalle colline di pietra pomice ci ritroviamo seduti sul divano rosso abbandonato sull’asfalto. Lo guardo in cerca di un cenno che mi dica che è tutto vero, come se volessi ancora trovare un senso. Se chiudi gli occhi e cominci a contare ogni cosa ritorna al suo posto. Lo faccio. Quando li riapro è ancora davanti a me, sono in te mi dice, sono quello di sempre e questa è casa tua, nulla è cambiato. Rimaniamo seduti a guardare dalla finestra il palazzo di fronte. I vetri così trasparenti da essere invisibili. La bambina ci saluta dal balcone. Mi arriva il suo odore di eccitazione: ho sette anni e la testa piena di nuvole, lo sguardo puntato di fronte e il cuore che scalpita per uscire dal petto. Mi appoggia la testa sulla spalla e dice, non è questo che volevi? Non so cosa rispondere. Non so più da che parte stare. Voglio continuare a viaggiare da una parte all’altra, un po’ qui, un po’ là, senza differenza. Magari altrove. Perché c’è sempre un altrove. Anche quando credo di essere arrivata alla fine della corsa, del cielo, della speranza, della vita, della strada. Basta chiudere gli occhi e cominciare a contare aspettando che ogni cosa torni al suo posto. Pronta a lasciarmi andare e tornare. Come le navi. Perché si sa, le navi vanno e tornano sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FRAMMENTO 1
  Orizzonte dal latino Horizon, che limita. Sottointeso è Kyklos – il cerchio. Una delle possibili destinazioni. Una delle moltissime Read more.
SOSPENSIONE
sospensione non era che svilimento del vuoto e il senso tattile dell’abbandono nello sradicamento del se diverso o tempo inverso Read more.
2/10
Com’è la notte, galileo Chiara, maestà, chiara … Tutta colpa del gatto (se ne sta dietro i vetri a guardare Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.19
Cristalli di enigmi voltarti Lo sguardo retro di chi sa Già marce le gioviali canne Spaziate sul greto del fiume. Read more.
GLACIAZIONI, SPONDILOSI, SINTROMI
Uscendo dall’incontro si presenta la montagna e nel coltroluce la sua criniera di pini ed alberi uno a uno smerletta Read more.
GLI EFFETTI (6)
inesatta ma la] topografia rende la sterilità dei luoghi sterza via come alcune luci incandescenti alcune sàltano e còlano in Read more.
DENTRO / FUORI – 8
Fuori: l’archetipo di un processo incontrollabile, l’apparenza sensoriale e il paesaggio inconoscibile, la rivolta che si tradisce e la follia Read more.
BOCCA
Ho sognato che ero dentista e dovevo togliermi un dente, cercavo altri dentisti ma nessuno voleva togliermelo ed ero costretto Read more.
HO SETTE ANNI
Siamo nello studio. Luci puntate e buio. Con forza e fermezza il dottore mi strappa entrambi i lobi nei quali Read more.