da RAPSODIE (4)

Mani e righe catturate da riflessi e nodi, senza scioglierli..
i ricordi essenziali muoiono durante i viaggi.

La guardo. Sta dormendo.
Soffia senza ritmo mentre tutto, intorno, si lascia spostare lentamente.
Ogni linea, tutte le ombre sottili, si tagliano penetrando la fine
degli incroci.
Mi accosto ai lampioni, modellata sugli spazi,
respiro dilatandomi insieme al vento,
accarezzo le superfici asciutte e contaminate.
Rincorrendo ogni (r)umore incontro estremità sofferenti,
segmenti spezzati di miopie civili.
Stringo i pensieri detonati nei momenti che percepisco
e mi bagno della storia evolutiva toccando pensieri,
energie, intermittenze univoche.
Dagli occhi seguo vibrazioni ellittiche sciolte nell’asfalto
e mescolate diluite nelle visioni fibrose delle foglie umane.
Entro in costruzioni coscienti, appoggiate su legami costanti di
atti graffiati: qui l’aria è calda, irrespirabile.
Una folla di spiriti si ammassa ovunque salvandosi dalle allucinazioni. Rimangono tutti statici e inalterati, negli abiti consumati, perdendosi negli altri.
Il sistema, mentre tutti osservano questo inquieto catrame instabile, non vibra: questo mondo ha trovato troppi spigoli innecessari, angoli e insenature simmetriche, invece vuole essere
generato curvo e morbido e urla ferito innaffiato d’etere e cenere.
Si sta svegliando.
Mi guarda. L’accarezzo.
E poi, devo andare avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BENESSERE MILITANTE – Scena 3
Poco da dire bocche cucite impasti spritz e tristezza; dal bar del tempo perduto e olive ascolane via uno alla Read more.
URLO 1
quella notte senza luna due grosse ombre seguiteattorniate da piccole ombre guadagnano il viottolo ombre nere la casa insonne ascolta Read more.
ORCHIDEA AFGANA
ci voleva il bisturi di ieri ultimo scorso per capire che la situazione non è tra le più commendevoli sicuramente Read more.
RITORNO A CASA 3
quella folla a mezzogiorno mezzanotte gli sembrò di sentire il duca con guanti in pelle cappello a falde larghe mocassini Read more.
GUARDI NEGLI OCCHI IL FRIGORIFERO
Di mangiartelo il frigorifero di mangiartela la donna che hai chiuso in frigorifero più buona sarà stata la carne di Read more.
CONSIGLI A UN GIOVANE ASSASSINO
Che il tempo non esiste tu lo sai, Annatommasina, e lo sapeva persino Parmenide. L’Essere è immobile. Tutto permane, uno Read more.
IL PROFETA DELLE PERIFERIE (3)
Stephano disse loro: la vostra terra promessa non è qui, dobbiamo andare via… dobbiamo intraprendere un lungo e difficile viaggio Read more.
LA CALMA
Come ai matti veri le gocce per star bravi. Read more.
I MIEI TUMULI ROSA
Il signor D. in proposito ci scrive: Dovremmo diffidare delle parole di T. S. Eliot quando nella Terra Desolata racconta Read more.