da RAPSODIE (4)

Mani e righe catturate da riflessi e nodi, senza scioglierli..
i ricordi essenziali muoiono durante i viaggi.

La guardo. Sta dormendo.
Soffia senza ritmo mentre tutto, intorno, si lascia spostare lentamente.
Ogni linea, tutte le ombre sottili, si tagliano penetrando la fine
degli incroci.
Mi accosto ai lampioni, modellata sugli spazi,
respiro dilatandomi insieme al vento,
accarezzo le superfici asciutte e contaminate.
Rincorrendo ogni (r)umore incontro estremità sofferenti,
segmenti spezzati di miopie civili.
Stringo i pensieri detonati nei momenti che percepisco
e mi bagno della storia evolutiva toccando pensieri,
energie, intermittenze univoche.
Dagli occhi seguo vibrazioni ellittiche sciolte nell’asfalto
e mescolate diluite nelle visioni fibrose delle foglie umane.
Entro in costruzioni coscienti, appoggiate su legami costanti di
atti graffiati: qui l’aria è calda, irrespirabile.
Una folla di spiriti si ammassa ovunque salvandosi dalle allucinazioni. Rimangono tutti statici e inalterati, negli abiti consumati, perdendosi negli altri.
Il sistema, mentre tutti osservano questo inquieto catrame instabile, non vibra: questo mondo ha trovato troppi spigoli innecessari, angoli e insenature simmetriche, invece vuole essere
generato curvo e morbido e urla ferito innaffiato d’etere e cenere.
Si sta svegliando.
Mi guarda. L’accarezzo.
E poi, devo andare avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I MIEI TUMULI ROSA
Il signor D. in proposito ci scrive: Dovremmo diffidare delle parole di T. S. Eliot quando nella Terra Desolata racconta Read more.
L’ULTIMA TOMBOLA: 36. La pioggia
La stessa pioggia di giugno che – a rimanervi sotto – cambia. A vent’anni un addio agli orari per il Read more.
(capitolo trentesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
L’architetto: – fijo de mignotta come dire filius … ignotae, credo. Troia? non lo so – la signora bionda: –  Read more.
I DUE PESI
Quale tra duemila discorsi può dirci del nervo che attacca questi corpi anoressici e questi dentisti, questi spasmi alla riproduzione Read more.
FILIPPICA
Le cicale fanno il turno di notte, grippano i timballi insistendo su una minima semicroma e la stampante non cede. Read more.
ALTRI FRAMMENTI (16)
Gli schizzi dell’ultima guerra ci sono giunti in forma di appetito spropositato, di ruderi di edifici bombardati, di narrazioni di Read more.
CINQUE (SU TRE)
  (foto di Rosanna Costantino, 2020) Read more.
IO E LA POLLY – 3
Da piccolo ero capace di infilzare un verme nell’amo. Il verme lo rompevi in due, però ci stava anche intero. Read more.
PESCO AL FONDO AL FONDO TROVO
sepolta dal vivo già  morta disconnetto lo spago dal pacco traslocato dimenticato per anni pesco a fondo al fondo trovo Read more.