A ME LA GENTE NON PIACE

I posti affollati mi soffocano, mi fanno sentire costretto in una camicia di forza. Non solo i posti affollati, anche i posti chiusi dove sto con altra gente, le persone che mi toccano, gli odori troppo forti, le luci accecanti, i rumori che sono solo rumori. Per fortuna c’ è la musica. Lei riesce sempre a tranquillizzarmi, a allentare la tensione quando sto in mezzo alla gente. A me la gente non piace, vado in giro con gli auricolari per non sentirla; perché un conto è vederla soltanto, un altro è vederla e sentirla. Ieri sono andato al supermercato senza musica. Di solito quando ci vado ascolto il piano di Gould e tutto diventa più ordinato, anche se ci vorrebbero dieci Gould messi insieme per rimettere a posto le cose. L’ incontro peggiore è stato con una donna dall’ età indecifrabile per tutti gli sfregi che aveva in faccia nel tentativo di contraffarsi. Le labbra, di un turgore improbabile, erano un’ unica cosa col naso. Gli zigomi asimmetrici, uno più gonfio dell’ altro, le conferivano l’ aspetto raccapricciante di un pugile alla fine di un combattimento. Si è avvicinata e mi ha alitato addosso che, finalmente, aveva trovato la confezione da duecentocinquanta grammi di funghi porcini. Non so se sia stato l’ alito guasto, la voce affilata o la distanza ravvicinata, il fatto è che mi è mancata l’ aria e sono uscito immediatamente. Sembra che nei supermercati di quartiere, incontrarsi con una certa frequenza, dia diritto a saluti affabili, opinioni non richieste e, non per ultimo, amoreggiare. Ho sentito di relazioni nate nei ripetuti incontri al banco dei surgelati di un supermercato in zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEMPRE LIEVE E PONENTE
  In un salotto stile Luigi Filippo – piuttosto malandato in verità, ma in una casa patrizia ancora ben conservata Read more.
SONO PIEGHE D’INVERNO E
sono pieghe d’inverno e la somma di vite queste vite – le piccole cose di segni lontano nelle stanze divine Read more.
LANCIANDO UN GRIDO
  Lanciando un grido d’attenzione, io esclamo un giorno sì e uno no (vale a dire spesso sì e spesso Read more.
ASCIUTTA E SECCA VOCE
Asciutta e secca voce a notte, rara, basta all’avara immersione nella fonte, frattanto che si guada la fiumara, il letto Read more.
NOVANT’ANNI
La signora compie novant’anni: la sala del ristorante è dedicata a lei oggi. Due palloncini color fucsia – un nove Read more.
QUADRO 1
(dimmi bambino che fai lì tutto solo)     … (il quadro che apre la mostra) Tutti i quadri della Read more.
ANUBI
con la lampadina accesa tra i denti sospeso nella piena luce del giorno di lato all’uomo che sfiletta acciughe salate Read more.
VIII)
loro mi spogliano giocando e ridendo io mi sbuccio le ginocchia, io mi faccio crescere i denti gli infermieri parlano Read more.
LINGUE ALTRUI
Masticavano vuoto gli antenati del neolitico, resina di betulla e poi ci fu il mastice di Chios a tenere in Read more.