ora che (19) – marzo 1980 –

‘quando ti vedo?’

‘quando vuoi, da qui non mi muovo’

– ora per favore tu dovresti scostarti un po perché con la luce che ti cade alle spalle non distinguo la tua faccia tanto basta grazie

– si é scostata smetto di guardarla

– subito dopopranzo della prima vera giornata di primavera con tutti vai sulle colline di aspra a raccogliere un mazzo di tulipani e dimentichi poi di stare cinque minuti seduta sull’erba a guardare il mare dall’alto della scogliera a cercare laggiù nell’immenso pianoro blù il vento della montagna il giubbox echeggiante la piccola cicala rivoltata che annaspa più in la all’ombra di un macigno mobile scalza senza elmo protettivo lontana dalle altre che in 9 formazioni a cuneo alte sullo sfondo di un cielo viola si scorgono appena a dispetto della potenza del binocolo militare

– frastornata rifai tre volte il numero del telefono

– disdici tutto

– i tulipani e il mare erano soltanto una diversione non riuscita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

IL RESTAURO
La tela grossa del seicento mostra  un soggetto dell’ottocento , forse c’e stato un recupero  vista la dimensione ridotta del Read more.
FRANCESCO 5
Non ha mani. Non ha collo. Non nitrisce, non nuota, non rotola. Non ha inverno. Non ha pace. Non ha Read more.
LE VESTALI INARRIVABILI
Non so vorrei sapere ma poi non è così semplice sapere mentre tu mi schiodi dal torpore stupefatto di quella Read more.
da RAPSODIE (5)
Enoch respira il mio respiro, mi ha graffiata ancora. Sciogliendomi in scintille e rumori, prismi cicloptici di pulsazione adefaga, oscilla Read more.
da STRADE E TAMBURI DI SABBIA 2019
conservi nel tuo sorriso cale e golfi come un segnalibro di passate stagioni s’alza il vento e ai tuoi fianchi Read more.
( sforziamoci perché / rimanendo indietro / non ci accorgiamo troppo tardi di questa celerità del tempo velocissimo )
limite. non toccati. arrivano con le mareggiate. rivolti giocattoli. bello dello spazio d’inverno. lenitive disunzioni sul propagarsi di angoli incise Read more.
IL POETA DI PIRITE
Su le ghironde e le chincaglie i ribecchini e le arciviole strette, strombano canzoni con cenette, premi semiscemi a base Read more.
BLU (ALMOST 7:00 AM…)
Quasi le sette, e vi è un blu ancora di un blu che confeziona esteso tutte le cose. La platea Read more.