VERNISSAGE IV

dav_vivid
frantuma un’audiocassetta sino a ridurla un mucchietto di oggetti alieni di dubbia gestione nel timore che si possano dimenticare fotografa e riprende la lettura del libro niente rancio per gli scassa cazzi ma combina con le donne che guariscono l’amnesia con tre uova e tre limoni nel vecchio cimitero ansimando contenti perché poi fanno altro

capisco qualche parola la rinascita la creazione il rapporto con due cantanti lirici e nozioni di fisica quantistica l’ostensione esplicativa della cinghia dei pantaloni per la teoria delle stringhe tacchi a spillo ed abiti da sera mentre il cantante lirico si confida con l’artista amica: mai e poi mai avrebbe cantato nel cimitero e in luoghi impervi con vestiti inadeguati così poi la cosa continua in altre stanze

ampi locali destinati a lunghe e brevi risate modulate in toni differenti nei segmenti di tre partiture la risata conclusiva è il commento più opportuno con la risata riflessa dei partecipanti ad effetto di uno scatto di un silenzio di una smorfia impennata a capriccio della performer dritta impettita quasi truce nelle brevi pause tra una frazione e un’alta agevola ciò che la natura ha sottinteso in tutto e per tutto neutra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LACRIMAE RERUM 10
Rondini che planano alte nel cielo rivelano immensità nell’azzurro, sfiorano il caldo viso dell’estate garrule come bambini che giocano a Read more.
FUORI LUOGO IL TEMPO (5)
Quando ha dato inizio al movimento c’ero,   sulla spalla di Dio esplosivo,   discreta come pulviscolo   emettevo un Read more.
TURISTI
Non lo sanno i turisti, no, quali sono i vicoli dove più soffia il vento forte, né dove non ha Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.84
Col viso al minimo sguardo Liliale la donna che fu Quando l’alfabeto era smilzo E senza storia il feto innamorato. Read more.
MICHAUX e altre cose (94-95)
3   nevicava paglia sulla luna storta. petali astratti sul sedentario bendato. e i biscotti pizzicati gli mordevano la lingua. Read more.
GATTOMAMMONE
2   Voci che favoleggiano d’incontri ai limiti del deliquio, tramandate da epoche in cui avventurarsi nelle campagne notturne era Read more.
ESICASMO (6)
Gli apostoli dello Zòon Politikòn portavano a spasso i lupi e sogghignavano… benvenuti nell’universo altro dove forse non troverete l’esicasmo, Read more.
UN VERO SPASSO
Occhiali, protesi acustiche, dentiere, gambe artificiali, cinture ortopediche, parrucche. Ecco la nostra coriacea sostanza. Ecco la nostra cremosa consistenza. Gli Read more.