ora che (13) – marzo 1980 –

così stando sempre disteso faccia all’aria e gambe appena divaricate immobile sul letto e in silenzio in effetti sto sviluppando quasi al meglio l’intera misura operativa di un feldmaresciallo in azione sul campo e allora i tratti eminenti del mio carattere sono come dicevo grande tolleranza e bruschezza

i miei mi amano ma non mi sono affezionati mi stimano ma mi mentono con disinvoltura e quando infine non hanno proprio nulla da fare il loro progetto più impeccabile é quello di farsi un poker con me sperando di perdere cosa che puntualmente si realizza se la durata del gioco si fa eccessiva ma a me poi non va proprio di perdere tanto tempo con le carte soprattutto perché mi trovo micropinioni troppo precise su chi le sta maneggiando cosa questa che contrasta troppo col mio triplice desiderio di stare sveglio di dormire di sognare

le persone e le cose dopotutto sono meno importanti dei loro stessi ‘punti di fusione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ESTIZIO DOPO (da Favole del ’68)
il  q u a l i f i c a t o che é una cosa giusta porta il pomodoro Read more.
CAPITO
Che poi a ripensarci bene io mica lo conosco, il tipo. O almeno: mi sembra di no (poi magari, vai Read more.
(SIGIR)
Loro conoscono tutte le lingue del mondo e sono stati fraterni amici di Enoch. / Con lui hanno trascorso memorabili Read more.
CONSIGLI A UNA GIOVANE ASSASSINA
Sfodera la tua arpa da fuoco e colpisci. È arrivato il tuo tempo, Annavanessa. Il tempo di quelli. Non farti Read more.
DISEGNI D’INVERNO
Dimmi dal colle l’infinito avvento; inaugurazione Gela il suo vuoto di cera persa un croccante sottozero   Come promessa il Read more.
QUEI DUE GIOVANI
Quei due giovani immersi in una chiocciola di parole belli pensosi arroganti li tratteggio si sfumano come mandorli in primavera Read more.
ALTRI FRAMMENTI (4)
Per primo ha eliminato dall’appartamento ogni traccia riconducibile alla moglie, affastellando in una stanza ogni oggetto, abito, alimento, profumo a Read more.
ESTIZIO (da Favole del ’68)
il pulitore nel clado che non si dorme nell’acqua che non si bava nella suona che non ha finestre tutto Read more.
CORO
“è il tempo più grigio e dolce dell’anno, prima ancora che brilli la bacca improvvisa dell’inverno” A Bertolucci dormire con Read more.