ora che (10) – marzo 1980 –

– ora la cosa che faccio non é mai qualcosa ma é sempre la cosa che faccio statisticamente inutile ed esatta

– non c’é più spazio di riflessione tra e tra

– é domenica con correnti cicloniche da 5-7mila metri fino a 2-3cento qui attorno grava con foschie che balzano qui dentro con spifferi che guizzano dal balcone della cucina al balcone dello studio via nervo sciatico della mia gamba sinistra

– questi magistrati di una certa importanza si sono messi il sensorio giurisdizionale in pace mentre gaetano francesco e caltagirone si fanno beccare a manhattan coi motori già avviati con gli assegni scambiati con le firme omologate con la maglietta col monogramma senza un buco con l’unghia dell’alluce destro appena appena incarnato

– cosi mi viene di assumermi la responsabilità di questo mio senso dell’avventura che é quello di un feldmaresciallo rude e tollerante che non ha più tempo per distinguere un’ampia zona di basse pressioni da un corridoio d’albergo ancora echeggiante passi frettolosi di pseudomagistrati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ESTIZIO DOPO (da Favole del ’68)
il  q u a l i f i c a t o che é una cosa giusta porta il pomodoro Read more.
CAPITO
Che poi a ripensarci bene io mica lo conosco, il tipo. O almeno: mi sembra di no (poi magari, vai Read more.
(SIGIR)
Loro conoscono tutte le lingue del mondo e sono stati fraterni amici di Enoch. / Con lui hanno trascorso memorabili Read more.
CONSIGLI A UNA GIOVANE ASSASSINA
Sfodera la tua arpa da fuoco e colpisci. È arrivato il tuo tempo, Annavanessa. Il tempo di quelli. Non farti Read more.
DISEGNI D’INVERNO
Dimmi dal colle l’infinito avvento; inaugurazione Gela il suo vuoto di cera persa un croccante sottozero   Come promessa il Read more.
QUEI DUE GIOVANI
Quei due giovani immersi in una chiocciola di parole belli pensosi arroganti li tratteggio si sfumano come mandorli in primavera Read more.
ALTRI FRAMMENTI (4)
Per primo ha eliminato dall’appartamento ogni traccia riconducibile alla moglie, affastellando in una stanza ogni oggetto, abito, alimento, profumo a Read more.
ESTIZIO (da Favole del ’68)
il pulitore nel clado che non si dorme nell’acqua che non si bava nella suona che non ha finestre tutto Read more.
CORO
“è il tempo più grigio e dolce dell’anno, prima ancora che brilli la bacca improvvisa dell’inverno” A Bertolucci dormire con Read more.