I FIAMMIFERI

Fortuna che Madame Lunescu, a un certo punto, imbocchi la strada giusta. I presupposti sono stati preoccupanti (pericolosi, è la parola esatta): piuttosto che salire sulla prima, sulla seconda e infine sulla terza rampa di decelerazione nell’innesto dell’autostrada E81 in direzione Bucuresti, si è lanciata contromano in quella di accelerazione direzione Costanza. Un tir l’ha mancata di un soffio. Tre auto hanno carambolano senza conseguenze. Una Suzuki l’ha scansata al volo. Facendo un’inversione a U, miracolosamente, Madame è riuscita a evitare quella che di sicuro sarebbe stata una catastrofe. Bloccata dalla polizia al primo chilometro, non si scompone: alza il freno a mano, mette la marcia in folle, slaccia la cintura e dopo aver dato un’occhiata al retrovisore e spento la macchina, tira fuori una patente che ha dell’incredibile. Ritrae una famiglia intera (padre – madre –figlio – figlia) durante le olimpiadi di Roma del 25 agosto 1960, specialità salto con l’asta e canottaggio. Medaglia di bronzo in entrambe le discipline. Dietro le facce, un piccolo particolare della “Parabola dei ciechi” di Pieter Bruegel il vecchio e un tramonto sull’Arno. Nessuna scadenza, nessuna categoria di guida, nessun bollo di nessuna prefettura. Niente. In più consegna una bustina con dentro un ciuffo di capelli tagliati al poliziotto e due delle unghie dell’uomo appena scorciate. Poiché, comunque, per amore dei miei figli, dice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CONSIGLI A UNA GIOVANE ASSASSINA
Sfodera la tua arpa da fuoco e colpisci. È arrivato il tuo tempo, Annavanessa. Il tempo di quelli. Non farti Read more.
DISEGNI D’INVERNO
Dimmi dal colle l’infinito avvento; inaugurazione Gela il suo vuoto di cera persa un croccante sottozero   Come promessa il Read more.
QUEI DUE GIOVANI
Quei due giovani immersi in una chiocciola di parole belli pensosi arroganti li tratteggio si sfumano come mandorli in primavera Read more.
ALTRI FRAMMENTI (4)
Per primo ha eliminato dall’appartamento ogni traccia riconducibile alla moglie, affastellando in una stanza ogni oggetto, abito, alimento, profumo a Read more.
ESTIZIO (da Favole del ’68)
il pulitore nel clado che non si dorme nell’acqua che non si bava nella suona che non ha finestre tutto Read more.
CORO
“è il tempo più grigio e dolce dell’anno, prima ancora che brilli la bacca improvvisa dell’inverno” A Bertolucci dormire con Read more.
UNA MASSA “JOCKERISTICA”?
… così imbastivo la mia dialettica per un massacro (anch’esso dialettico)… per parafrasare Stefano D’Arrigo: dentro più dentro dove la Read more.
(L’OCCHIAIA. 84. “Bipedi 9”)
Come un cagnolino obbediente, sta con affanno dietro al frettoloso mazzetto di lilium appena acquistato tenuto discosto dalla scritta fucsia Read more.
PUDORE (Decency)
Così, se occorrerà spiegare nuovamente tutto dall’inizio, se saremo ancora lì, faremo allora come fa un mattino, un passo dietro Read more.