I FIAMMIFERI

Fortuna che Madame Lunescu, a un certo punto, imbocchi la strada giusta. I presupposti sono stati preoccupanti (pericolosi, è la parola esatta): piuttosto che salire sulla prima, sulla seconda e infine sulla terza rampa di decelerazione nell’innesto dell’autostrada E81 in direzione Bucuresti, si è lanciata contromano in quella di accelerazione direzione Costanza. Un tir l’ha mancata di un soffio. Tre auto hanno carambolano senza conseguenze. Una Suzuki l’ha scansata al volo. Facendo un’inversione a U, miracolosamente, Madame è riuscita a evitare quella che di sicuro sarebbe stata una catastrofe. Bloccata dalla polizia al primo chilometro, non si scompone: alza il freno a mano, mette la marcia in folle, slaccia la cintura e dopo aver dato un’occhiata al retrovisore e spento la macchina, tira fuori una patente che ha dell’incredibile. Ritrae una famiglia intera (padre – madre –figlio – figlia) durante le olimpiadi di Roma del 25 agosto 1960, specialità salto con l’asta e canottaggio. Medaglia di bronzo in entrambe le discipline. Dietro le facce, un piccolo particolare della “Parabola dei ciechi” di Pieter Bruegel il vecchio e un tramonto sull’Arno. Nessuna scadenza, nessuna categoria di guida, nessun bollo di nessuna prefettura. Niente. In più consegna una bustina con dentro un ciuffo di capelli tagliati al poliziotto e due delle unghie dell’uomo appena scorciate. Poiché, comunque, per amore dei miei figli, dice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TI PIACERAI SICURAMENTE A ME
Più bestia che uomo il mio corpo, che a riprova, alla mia età manda ancora richieste di aiuto illetterate: tanti Read more.
06.59. AM. INTANTO I SENTIMENTI SNERVAVANO
Intanto i sentimenti snervavano, restavan lì, a bocca aperta, senza fare un passo. Non sarebbero andati mai via. Li chiamavi, Read more.
(L’OCCHIAIA. 89.)
   Sull’assolato terrazzo, irreali nella tremolante calura pomeridiana, due affiatati volpini – la mia Clite giovanissima e una Clite così Read more.
TRANSIZIONI – 1
dall’una all’altra parte del cavedio. nei fossati di luce lunare. appesi a traverse massaie il ricamo. schiuma molteplici quotidianità. d’altra Read more.
L’ANDIRIVIENI
il vento sfoglia il libro sul grembo il mento sul petto le mani forano il vuoto la poltrona di vimini Read more.
EFFETTO
  posso attraversare sia quando incrocio il signore con i cani sia dopo, ma anche prima di incrociare il signore Read more.
AB ASPERA AD ASTRA
Adele aristocratica, anziana, autosufficiente, ancora avvenente, assente alcuni anni amato ambasciatore, accolta abracciaperte all’accreditato ”Almo Albergo Alvizio”… avendo anticipatamente autorizzato Read more.
DE QUINCEY
Tutto questo tempo che passa inutile e blasfemo, poi: dove cazzo va a finire? C’è una differenziata apposita? Oppure è Read more.
LA SCADENZA DI GIOBERTI
eravamo in quarantena alticcia ma consapevoli del disastro sentimentale occorso a Manolo lui sempre disponibile all’adulterio come missione imperdibile per Read more.