DA QUANDO

da quando tu sei morta

è sempre verde

l’erba sulla collina

gli agnelli

sono sazi

delle tue preghiere

io non ho più paura

dei fantasmi

cammino braccio

contro braccio

con la morte

come un’amica

la terra in cui

sei sepolta

ha coperto anche me

tu sei tornata bambina

giochi con la sabbia

in giardino

di notte danzi

con i conigli

intorno alla luna piena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BOCCASCENA
Non volli, non volli ricordare il giorno, l’ora e l’indirizzo. L’acqua alta curvava la superficie mentre andava a picco il Read more.
SIGLE TESSILI (da favole del’68)
ANODO – del tipo citrico che é attorcigliato scurissimo che di tanto in tanto sfiorato salta in aria e poi Read more.
CAMPI DEI NON BEATI
Al numero 78 di Halsford street – a Winchester, nel Regno Unito – in una casa dei primi del novecento, Read more.
TRE EPIGRAMMI
    A Federico nonperlirami   in lei dormiva come un fibroma asciutto poi sventuratamente si svegliò     A Read more.
COSE STORTE 1
Di roccia metamorfica, con quei suoi occhi pieni di storia storta, la poesia compare e scompare. Interroga l’inesistenza. Parla con Read more.
COMPARSA DI CINEMA
Apostoli di sassi I capelli bianchi Tanto tingerli è volgare Quanto un fiore finto. Guardone del tempo che resta, Stazione Read more.
RESIDUI 6
  i residui passivi vengono calcolati alla fine] [   si] [può sfogliare con qualche danno alla burocrazia l’apparato è Read more.
PARTITA A GOLF
  -si tolga di là, vuol farsi ammazzare? – qui c’è un bel calduccio -certo, il fuoco nemico -io non Read more.