PARASCIO’

Insomma. Sulle critiche minimaliste ai racconti in cui si potrebbe saltare direttamente alla conclusione ho qualcosa da aggiungere. Anche il taglio alla mano di Anghela K.,  vetrinista alla Rinascente, è una scena finale, ma quello che accade prima è imprescindibile: l’unica cosa che dà un senso alla vicenda.  Giacché osservassimo la ferita per ciò che è in quella scena finale – solo nell’ultima sequenza quindi – avremmo semplicemente una ferita sulla mano di Anghela K., e non Anghela K. che si è ferita alla mano. Finale che non ci direbbe nulla dunque della sua vita e del suo matrimonio, né della sua casa di Fiesole o del suo allevamento di polli in Valdarno, ma solo quelle poche informazioni  circoscritte alla lesione. Informazioni  che, per quanto ne sappia, solo i chirurghi quella notte ebbero il piacere di raccontare. Poiché, sostenevano, da lì poteva avere inizio qualunque cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA TERZA FIGLIA
A volte, quando anche la seconda fra le tue figlie è rientrata, saranno le quattro del mattino, e tu finalmente Read more.
INTERNO UNO
Quando l’Uomo creò Dio, Annabianca era impegnata in un’altra conversazione, perciò non vide sorgere la Luna et le Stelle, né Read more.
NIENTE E’ DIVERSO E SE E’ DIVERSO NON E’ MAI VERAMENTE DIVERSO
I 6 effetti benefici del bicarbonato. I 5 vantaggi della frutta secca. I 9 cibi più ricchi di iodio. Gli Read more.
(capitolo quattordicesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
La dottoressa citofona a Gina e le dice di chiamare l’ascensore. Il computer è riparato. Gina preme il pulsante, attende Read more.
ora che (6)
– lo scrivere e il parlare sono presi a pesci in faccia dal fare – appunto tu cominci a fare Read more.
IO SONO JACK SMITH (II)
Non saluto alle spalle della gente. Io sono jack smith. Se ti giri dopo che ti ha detto addio non Read more.
IL FLUSSO
C’è questo flusso e bisognerebbe eliminarlo. O meglio, sarebbe meglio se non ci fosse. E invece c’è. È in posizione Read more.
ora che (5)
‘ehi tu’ (ma si ‘ehi tu’) ‘io’? ‘tu, dove stai andando?’ ‘non posso?’ ‘hai con te il biglietto?’ ‘certo che Read more.