Musica pittura poesia

La musica estraeva il suo collo di cigno
Da un tale ensemble di gioie orchestrali.
Mozart modulava un fischio di scena –
E fosse pur un suo servo… – in chi componeva
Per lui quel Requiem: per il resto un epicureo
Di stanza a Praga o a Vienna, città i cui cavalli,
Massicci – da birrai –, andavano come al granito
O al porfido dei patiboli smacchiati con liscivia
Dal rene di tre lavandaie
Al passo carraio dell’erica
In thunder, in lightning or rain
Nel ranno di Valpurga, nel fornello scozzese:
I vestiboli delle loro vulve
Nello strass di Gonerill e Regan,
Non di Cordelia, lo compiacevano
Come piacque al gel di lucertola
D’acquetarsi nel cinabrese
Del drago di San Giorgio ristabilito in ramarro.
Il pittore catturava di paesaggi e visi
L’essenza con spezie tra cui i pesticidi
O i gigli infranti e lasciati smurare
Nel villo di una linea, tra le urne funerarie
Dell’inverecondia ottenuta con ciò che è
Di Ecce Homo.
La pittura estraeva il suo collo di pietra
Da un tale ensemble di tinte mortali.
Picasso un viso disegnare sapeva
Con due linee appena, una di cui la mortale
E l’altra nella sizigia smisurata del coma.
Per la semplicità
Che immortali ginnastiche!
La poesia bruciava di virtù monastica.
Chissà quante paia di sandali Dante avrà consumato
Sui sentieri da capre degli Appennini.

Manceps non gli bastava
Esser sutrinæ!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BENESSERE MILITANTE – Scena 3
Poco da dire bocche cucite impasti spritz e tristezza; dal bar del tempo perduto e olive ascolane via uno alla Read more.
URLO 1
quella notte senza luna due grosse ombre seguiteattorniate da piccole ombre guadagnano il viottolo ombre nere la casa insonne ascolta Read more.
ORCHIDEA AFGANA
ci voleva il bisturi di ieri ultimo scorso per capire che la situazione non è tra le più commendevoli sicuramente Read more.
RITORNO A CASA 3
quella folla a mezzogiorno mezzanotte gli sembrò di sentire il duca con guanti in pelle cappello a falde larghe mocassini Read more.
GUARDI NEGLI OCCHI IL FRIGORIFERO
Di mangiartelo il frigorifero di mangiartela la donna che hai chiuso in frigorifero più buona sarà stata la carne di Read more.
CONSIGLI A UN GIOVANE ASSASSINO
Che il tempo non esiste tu lo sai, Annatommasina, e lo sapeva persino Parmenide. L’Essere è immobile. Tutto permane, uno Read more.
IL PROFETA DELLE PERIFERIE (3)
Stephano disse loro: la vostra terra promessa non è qui, dobbiamo andare via… dobbiamo intraprendere un lungo e difficile viaggio Read more.
LA CALMA
Come ai matti veri le gocce per star bravi. Read more.
I MIEI TUMULI ROSA
Il signor D. in proposito ci scrive: Dovremmo diffidare delle parole di T. S. Eliot quando nella Terra Desolata racconta Read more.