l’asteroidicello gamma (il lavoro mentale) 52’78

assaporo
(07.11)
assaporo una doppia velocità circadiana – a) l’accelerazione del tempo tipica della vecchiaia b) la dilatazione dello spazio tipica dell’adolescenza.
assaporo nelle budella un insieme ritmico che mi allontana da ogni coniugazione fisiologica da ogni monologo.
forse una delle ragioni per cui ho smesso di scrivere favole é in ciò: io stesso faccio parte di un processo che nella sua probabile globalità immediata ha chiamiamola così ‘struttura di favola’.
non saprei spiegarmi in altro modo la condizione di benessere generale dentro cui mi muovo malgrado nulla o quasi nei fatti e nelle relazioni funzioni.
quest’assenza di funzionamento mi pare poi proprio il modo più rapido di attraversare indenni il moltiplicarsi delle velocità e delle direzioni.

arriva questo pensiero: non si può non credere nella buonafede dei ladri e degli assassini.
‘i bei colloqui’e le belle avventure in ogni caso gocciolano in forma di ‘buchi’ senz’alcun odore.

e poi però la regola mercuriale: starsene sempre a parte delle proprie esemplificazioni.
‘dove trovi ciuk questo tipo di colla’?
e perciò per autocommento: un’astronave interstellare che ha inequivocabile forma di sputo.
(medita medita a lungo facendo sudare una ad una tutte le tue sinapsi sull’omologia tra sputo e nuvola)

ci sono poi e sempre i pensieri sulla situazione politica locale e planetaria che sono pensieri paralleli. anche se un po fa ridere il modo in cui la situazione del villaggio é parallela a quella del pianeta. dico fa ridere il modo della mente di stabilire una relazione di riconoscimento con la situazione. fa ridere avere pensieri. ma non mi va affatto di escludere da questo riso lo sbuffo lento e improvviso della tenda.

ti pare stimolante o ciccio ricavare dal finestrino del treno che comincia a muoversi la mano che posa la borsa sulla reticella.
che tu riesca a piegare in due senza sforzo e senza farlo risuonare un profumo: cosa vuoi che m’importi? non mi fa neppure ridere: questa é la mia perfezione.

se poi si passa agli studi sulla vicenda moro ti dirò che tutta la loro energia (senza neppure riferirla a questa mia condizione) é assai meno consistente dello sforzo che si fa a suo modo cospicuo per trascrivere il presente ‘pensiero’.
autocommento: non pretendo di stare coi ladri e con gli assassini. ma ladri e assassini tollerano senza sforzo la compagnia degli sciacalli e questi ultimi mi accettano cosi come sono e come appaio. e perciò siccome sono voluttuoso li stimo e alcuni (p.es. lima) li amo.

meglio non parlare delle ‘nazioni efficienti’. giappone francia germania ecc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI FRAMMENTI (14)
Nell’età felice, narrata in antichi miti africani, Dio viveva con gli uomini che trascorrevano la propria esistenza senza fatica. Gli Read more.
da RAPSODIE (18)
l’infinito trascurabilmente minimo del peso superficiale d’un cubo della decima parte di un metro Read more.
SEI SOTTO SETTE DUNQUE SEI
non va bene così così non va bene la banana stanotte il tuo giusto frutto domani quali insalate consoleranno il Read more.
BENESSERE MILITANTE
Prologo Parcheggio: s.m., piazzale o parte di via urbana o sotterraneo, in cui si possono lasciare in sosta le automobili, Read more.
IL FUMO 2 (da Favole del ’68)
per una totale autocritica ci sentivamo morti sotto seppelli cimine erano fiori renne pesciuzzi ma di dad e usvardi proprio Read more.
PER TUTTA LA MORTE
Mi dici per tutta la vita, e io come al solito positivo a tutto bottone rispondo: guarda che per tutta Read more.
CITTADINANZE
Le palme filifere hanno preso casa in via Mercatelli tra i numeri 9 e 17, ospiti nel boschetto di sambuco Read more.
REPLICHE 2 – STIGMA] [ITS
non-nominata]. [percorsa se duplicata sbiadita si danneggia in figure di filigrana proietta dal controripàro ma fuori controllo scàrto aggiunto di Read more.
SOTTO…
Sotto il pergolato della lunazione-moria I carnefici della luna-agonia Che mai ci dicono? E dicono che   Il coltello, parendo Read more.