(capitolo dodicesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE

L’architetto mi invita a seguirlo senza fare domande. – Guarda dritto, come se avessi la videocamera. – Dice così e lo seguo in una folla fortunata di ragazzi che si trastullano con i narghilè. In esterno tra tavolini e dentro tra separé, fumo e luci basse. Mi viene incontro una donna. L’architetto anticipa: – è un mio amico gli sto mostrando il locale – La tipa svicola a sinistra senza commenti. Di sfuggita qualcuno a lato alza gli occhi. Non si mangia, non si beve, niente musica, chiacchierano alla spicciolata tra le zaffate dolciastre. L’architetto occhio vispo mento alto punta al fondo… e in un flash squame luminose rotolano sulle pareti, musica: la vediamo. Come anguille in padella, bisacce d’acqua in sella o budini basculanti sul piatto di portata. A sorpresa, una volta alla settimana Sasà non serve ai tavoli e danza di ventre. L’architetto ha avuto sentore per la serata. Cerco di non insistere nel guardarla, temo di essere coinvolto. L’architetto mi rassicura: non è abitudine. Sasà è ortodossa e nel suo paese fa l’ingegnere, qui si arrangia. Nel locale canta pure Amanda. Il padrone di casa veniva ad ascoltare Amanda e conosceva Sasà. L’architetto: -Domani inizieranno i lavori in giardino: via la terrazza, fine del patio. Alle sette e trenta. Ci vorrà circa un mese per mettere a posto- Esco dal locale. Due palazzi squarciano il buio di un vicolo senza fondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LE BELLE UNGHIE, LA PESCA ALLA TROTA IN AMERICA
Quando le lacrime cadono in numero superiore a cinquanta dagli occhi della signora del cieco paralitico non udente muto poliomelitico Read more.
(capitolo tredicesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
Secondo il capo muratore alle sette e trenta dovrei essere già alzato, lavato e vestito pronto per assistere alla demolizione Read more.
ora che
marzo 1980 ora che il ‘sistema emotivo’ USA ha gia messo radici qui, mediterraneo 198O – ora che la differenza Read more.
alle 21 e 49
lo sapevate che ho scritto la lista della spesa più bella del quartiere? su dei petali di gelsomino l’ho scritta Read more.
Musica pittura poesia
La musica estraeva il suo collo di cigno Da un tale ensemble di gioie orchestrali. Mozart modulava un fischio di Read more.
GAME
Bisognerebbe prima di tutto concentrarsi, ma non è chiaro cosa significhi. Poche parole connesse a dei movimenti. Raggiungere l’automatismo con Read more.
IL QUALE NON HA MAI BEVUTO
Il quale, purtuttavia, continua a dire con insistenza che la cucina cinese è il top. Il quale detesta il cambio Read more.