(capitolo dodicesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE

L’architetto mi invita a seguirlo senza fare domande. – Guarda dritto, come se avessi la videocamera. – Dice così e lo seguo in una folla fortunata di ragazzi che si trastullano con i narghilè. In esterno tra tavolini e dentro tra separé, fumo e luci basse. Mi viene incontro una donna. L’architetto anticipa: – è un mio amico gli sto mostrando il locale – La tipa svicola a sinistra senza commenti. Di sfuggita qualcuno a lato alza gli occhi. Non si mangia, non si beve, niente musica, chiacchierano alla spicciolata tra le zaffate dolciastre. L’architetto occhio vispo mento alto punta al fondo… e in un flash squame luminose rotolano sulle pareti, musica: la vediamo. Come anguille in padella, bisacce d’acqua in sella o budini basculanti sul piatto di portata. A sorpresa, una volta alla settimana Sasà non serve ai tavoli e danza di ventre. L’architetto ha avuto sentore per la serata. Cerco di non insistere nel guardarla, temo di essere coinvolto. L’architetto mi rassicura: non è abitudine. Sasà è ortodossa e nel suo paese fa l’ingegnere, qui si arrangia. Nel locale canta pure Amanda. Il padrone di casa veniva ad ascoltare Amanda e conosceva Sasà. L’architetto: -Domani inizieranno i lavori in giardino: via la terrazza, fine del patio. Alle sette e trenta. Ci vorrà circa un mese per mettere a posto- Esco dal locale. Due palazzi squarciano il buio di un vicolo senza fondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI FRAMMENTI (14)
Nell’età felice, narrata in antichi miti africani, Dio viveva con gli uomini che trascorrevano la propria esistenza senza fatica. Gli Read more.
da RAPSODIE (18)
l’infinito trascurabilmente minimo del peso superficiale d’un cubo della decima parte di un metro Read more.
SEI SOTTO SETTE DUNQUE SEI
non va bene così così non va bene la banana stanotte il tuo giusto frutto domani quali insalate consoleranno il Read more.
BENESSERE MILITANTE
Prologo Parcheggio: s.m., piazzale o parte di via urbana o sotterraneo, in cui si possono lasciare in sosta le automobili, Read more.
IL FUMO 2 (da Favole del ’68)
per una totale autocritica ci sentivamo morti sotto seppelli cimine erano fiori renne pesciuzzi ma di dad e usvardi proprio Read more.
PER TUTTA LA MORTE
Mi dici per tutta la vita, e io come al solito positivo a tutto bottone rispondo: guarda che per tutta Read more.
CITTADINANZE
Le palme filifere hanno preso casa in via Mercatelli tra i numeri 9 e 17, ospiti nel boschetto di sambuco Read more.
REPLICHE 2 – STIGMA] [ITS
non-nominata]. [percorsa se duplicata sbiadita si danneggia in figure di filigrana proietta dal controripàro ma fuori controllo scàrto aggiunto di Read more.
SOTTO…
Sotto il pergolato della lunazione-moria I carnefici della luna-agonia Che mai ci dicono? E dicono che   Il coltello, parendo Read more.