ARRIVI E PARTENZE

Ho fatto un’immensa fatica per abituarmi alla vita. Mi ricordo, appena nato, come ho dovuto sforzarmi per capire: sei vivo, esisti. Ero frastornato. Non capivo cosa mi stesse succedendo, da dove arrivavo. E anche dopo, anno dopo anno, è stato difficile abituarmi a una condizione che ancora oggi continua a sembrarmi nuova, cioè strana, direi quasi “provvisoria”. Finalmente, bene o male, ero però riuscito a farcela, ad abituarmi, o comunque ad accettare questa mia particolare situazione di esistente in vita o come cavolo la volete chiamare; e all’improvviso ti presenti tu, col tuo faccione impudente da medicozzo saputo, e mi dici che devo tornarmene là. Là da dove sono arrivato e che ormai non ricordo più cosa e dove fosse. Che devo fare il cammino al contrario, mi dici. Lasciare questi luoghi, questi tempi e scomparire. Ma io oramai voglio continuare. Voglio restare dove ho piantato le tende. Continuare a nascere, continuare a bere vino, guardare you porn, candidarmi alle elezioni. Voglio leggere tutto Platone. Continuare a nascere, voglio; non abituarmi a morire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

IL RESTAURO
La tela grossa del seicento mostra  un soggetto dell’ottocento , forse c’e stato un recupero  vista la dimensione ridotta del Read more.
FRANCESCO 5
Non ha mani. Non ha collo. Non nitrisce, non nuota, non rotola. Non ha inverno. Non ha pace. Non ha Read more.
LE VESTALI INARRIVABILI
Non so vorrei sapere ma poi non è così semplice sapere mentre tu mi schiodi dal torpore stupefatto di quella Read more.
da RAPSODIE (5)
Enoch respira il mio respiro, mi ha graffiata ancora. Sciogliendomi in scintille e rumori, prismi cicloptici di pulsazione adefaga, oscilla Read more.
da STRADE E TAMBURI DI SABBIA 2019
conservi nel tuo sorriso cale e golfi come un segnalibro di passate stagioni s’alza il vento e ai tuoi fianchi Read more.
( sforziamoci perché / rimanendo indietro / non ci accorgiamo troppo tardi di questa celerità del tempo velocissimo )
limite. non toccati. arrivano con le mareggiate. rivolti giocattoli. bello dello spazio d’inverno. lenitive disunzioni sul propagarsi di angoli incise Read more.
IL POETA DI PIRITE
Su le ghironde e le chincaglie i ribecchini e le arciviole strette, strombano canzoni con cenette, premi semiscemi a base Read more.
BLU (ALMOST 7:00 AM…)
Quasi le sette, e vi è un blu ancora di un blu che confeziona esteso tutte le cose. La platea Read more.