SULLE RIVE DEL TONTO (38)

di Elio Coniglio

Alla svelta, chi può anche carponi, recuperiamo nasi, orecchie e lingue cascate a terra per il freddo col far delle ore sempre più pungente e, in assoluto silenzio, c’incamminiamo, lasciandoci definitivamente alle spalle la Grande Curva. Un tenorile tartaglìar di dentiera dà il là al nostro incespicoso andare lungo l’incerto ciglio della statale dal quale, di tanto in tanto, distogliamo gli occhi, per indovinare, prima che faccia buio, un riparo adatto dove poter attizzare un fuoco e cacciarci letteralmente dentro il suo scoppiettante calore;- un fuoco che, di comune accordo, cento passi più tardi, decidiamo di far divampare fra le nude radici di due vecchi alberi attorti l’uno all’altro a poca distanza dalla cunetta. Immobile e così ben avviticchiato da scambiarlo per una delle tante radici ritorte, il lucertolone, spaventato dai nostri trapestii, si desta da un sonno comatoso, con un balzo miope atterra vicino ai piedi di Tà, scansa il mio calcio, percorre rapido come un lampo una dozzina di metri, si blocca su tre zampe, gira la testa verso di noi e ci mostra un muso confuso,- offeso,- insolente,- scarlatto,- minaccioso… e, un solo battito di ciglia dopo, comincia a chiudere, attorno a noi, cocciutamente assiepati davanti ai due alberi, cerchi lenti , sempre più stretti, sempre più stretti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA TERZA FIGLIA
A volte, quando anche la seconda fra le tue figlie è rientrata, saranno le quattro del mattino, e tu finalmente Read more.
INTERNO UNO
Quando l’Uomo creò Dio, Annabianca era impegnata in un’altra conversazione, perciò non vide sorgere la Luna et le Stelle, né Read more.
NIENTE E’ DIVERSO E SE E’ DIVERSO NON E’ MAI VERAMENTE DIVERSO
I 6 effetti benefici del bicarbonato. I 5 vantaggi della frutta secca. I 9 cibi più ricchi di iodio. Gli Read more.
(capitolo quattordicesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
La dottoressa citofona a Gina e le dice di chiamare l’ascensore. Il computer è riparato. Gina preme il pulsante, attende Read more.
ora che (6)
– lo scrivere e il parlare sono presi a pesci in faccia dal fare – appunto tu cominci a fare Read more.
IO SONO JACK SMITH (II)
Non saluto alle spalle della gente. Io sono jack smith. Se ti giri dopo che ti ha detto addio non Read more.
IL FLUSSO
C’è questo flusso e bisognerebbe eliminarlo. O meglio, sarebbe meglio se non ci fosse. E invece c’è. È in posizione Read more.
ora che (5)
‘ehi tu’ (ma si ‘ehi tu’) ‘io’? ‘tu, dove stai andando?’ ‘non posso?’ ‘hai con te il biglietto?’ ‘certo che Read more.