QUANDO CI SONO OMICIDI SENZA COLPEVOLI

siedo nell’unico spazio della panchina
non occupato da quelle di piccione
tempo 5 minuti arriva il primo
dipendente da qualche sostanza
a chiedermi una monetina
ringrazia ma senza essere contento
poi il turno di uno con accendini e fazzoletti
e tre ragazzi in cerca di una cartina
anche la natura
coi fiori che non possono essere contati
segnano che manca ancora
un’ora e tre quarti
vado per qualcosa di bello
in mezzo ad altre che non lo sembrano
dal fioraio
e regalarle un mazzo di rose bianche
senza che me l’aspetti

quando ci sono omicidi senza colpevoli
sospetto sempre di quelli che leggono i libri

non si è quasi mai tristi di una sola tristezza
è più una folla con a capo una senza via d’uscita
mi sembra dopo anni di fare qualche progresso
il fruscio fra gli alberi
vedere l’attraversamento
un momento dopo subito no
l’arte di tirare la corda
chiedersi se altri stanno su qualcosa di simile
ma non lo danno a vedere
imprese al millimetro
freddezze da panico
stare a galla
con tutto quello che c’è
da pagare questo mese
per non peggiorare la situazione
ci trattiamo bene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.89
Eraso il fiume, colma la catastrofe che sul prossimo teschio pervade la breve vita che fu concessa alle due gemelle Read more.
IL TRAM DI BIERMANN
Berlino, Chausseestraße, civico 131; Wolf Biermann vi registra, nel 1968, l’album omonimo usando il proprio appartamento come sala d’incisione, un Read more.
SENZA SCARPE
La sua cecità era smisurata, altissima come un monte di trenta piani. Lui correva sul filo dell’alta tensione senza muovere Read more.
(DALLA MEDIA ESTATE/4)
I padri archiviavano i torti nella pace a terrazze degli orti, una pace a portata di mano, all’alba, quand’era più Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (6)
Le parole di MacLoss turbano i ragazzi e le ragazze della Carne Torta, geneticamente regolati su elevati livelli di sensibilità. Read more.
ACQUA DAVANTI E VENTO DIETRO
 Divembre.  2.3. -: un sole pigro tarda, ma ‘la tardanza’, come usano dire da queste parti  , ‘non è mancanza’, Read more.
LACRIMAE RERUM 14
Il canto del perdono   Il ragno che tesse la sua tela non conosce lo splendore dell’intreccio, e la mosca Read more.
LA MUSICA NON È (MAI) FINITA – 06
“E già gli va bene. Che poi me li ricordo quei video dove si mostravano tutti come dei supervanitosi e Read more.
C’ERANO MIRACOLI
c’erano miracoli, l’abitudine di gridare, e ora sentimenti vorticosi di uniforme disagio. mi sono recentemente laureato in un modulo di Read more.