l’asteroidicello gamma (il lavoro mentale) 46’78

ridendo
(02.10)
ridendo gianmauro mi racconta che i mocassini neri sul cadavere fetido di papa luciani erano come i suoi brutti e di poco prezzo.

il giovane musico nero newyorkese felipe (nato a panama omosessuale e scatenato a parlar male di sua madre) schifa (il monumento) bernstein. poi a casa mia ascoltando il ‘concerto per diversi strumenti’ di vivaldi diretto da bernstein resta quasi di stucco.

ora il cielo é coperto (sono le otto del mattino). piove piano leggero ininterrotto. la spalla sinistra é turbata. e mi preoccupa.

ben bova ‘millennium’ sonzogno.
letto rapidamente e con piacere. incuriosisce sempre molto vedere come qualcuno immagina possa andare a finire l’antagonismo usa-urss (chi sono quelli che scrivono urss-usa?). qui finisce male per tutt’e due. e questo anche per me pare abbastanza gratificante e del tutto normale. quello che mi può dare fastidio é che sia l’insieme dei poveri e dei falliti che determina il radicale ridimensionamento dei vincitori ricchi. é una mia contraddizione si. ma ad un libro specie se un po soddisfa il mio gusto imberbe per il fumetto e per l’avventura io chiedo non tanto di risolvere le mie contraddizioni chiedo di essere acuto intelligente imprevedibile. no queste doti non mi fanno zittire fanno parte dell’equipaggiamento grammaticale di chi racconta e se si tratta di fantascienza le ritengo addirittura segni ortografici. a un libro tra mille altre cose che qui non intendo elencare anche perché in questo benbova le trovo chiedo di fornirmi una qualche percezione fisica del mistero ancora dilagante in quanto noi chiamiamo ‘contraddi¬zio¬ne’. chiedo un qualche modo di sorridere della scrittura nella scrittura. dell’esserci della ‘cosa’ e della ‘presenza’ in quanto strumenti.
così mentre da tutte le parti diverse generazioni coesistenti e con risorse e forze bellissime stanno rinnovando i nessi sentimentali tra le funzioni del corpo e i modi dello spazio il piacere dell’intelligenza – dell’essere intelligenti del parteciparvi – si macchia di quest’esitazione di questo scrupolo di questo nazismo-sull’orizzonte-lontano. oh si.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DI DOMENICA
Mi piace di domenica andare nei paesi dove non conosco nessuno. Come ospite non invitato curiosare fra strade che non Read more.
DIDASCALIE 6
1. Dove finisco io E dove cominci tu Che sei sempre io E pure non lo sei più 2. Una Read more.
AFORISMI IN SOSPESO
siamo il risultato di   un esordiente attempato può ancora   il cane muore dalla felicità dopo aver rivisto   Read more.
(PRIMO E SECONDO ADDIO)
Non esistono addii, al paese: Ci incontriamo e poi ci salutiamo, Alla prossima volta, anno stagione mese – Niente addii, Read more.
FREDDO
A una sconosciuta dal senno lunare.     Poi si è voltata un giro, due tre, la giacca lunga il Read more.
DIVELLERE
possono trasmutare l’uno, e prima ancora la ragione, per forma di malaria. sono situazioni. soltanto Ippocrate sostenne che una quantità Read more.
LACRIMAE RERUM 16
(ripelliniana)   “Lasciatemi in pace, sarabanda di grida, cacofonia di demoni che bussano con facce grifagne ai vetri invocando la Read more.
CHIROMANZIA
Chissà perché scorrono per rincorrersi senza trovare il punto, assetate e incallite, testarde di pieghe. Chissà perché si biforcano e Read more.
NON PENSATECI NEANCHE
Nulla d’insolito in un bar, alle diciannove e trenta, se un uomo e una donna ordinano due spritz senza guardare, Read more.