l’asteroidicello gamma (il lavoro mentale) 44’78

curiboca
‘curiboca’ cioè meticcia quindi mezzosangue cioè bastarda quindi proletaria: é cosi la mia curiosità di lettore. o non mi spiego come avrei potuto portare a termine la lettura di un libro drammaticamente serio come ‘nelle profondità dell’inferno’ quando ormai da anni mi é diventato naturale evitare anche quelli che appena appena sfiorano la serietà: cioè i libri il cui autore invece d’essere un animale vivo immerso negli odori e nei borborigmi della propria anatomia é solo qualche impenetrabile e indifferente proposizione di qualche storia di qualche letteratura.
i protagonisti di questo libro lingua stile personaggi soprattutto femminili situazione politica sono tutti come me curibochi bastardi. liliana bruchi la traduttrice ha fatto credo un lavoro pulito: i modi della lingua proletaria fitti di dilazione traslati baratri che hanno marce senza tarature richiedono intensa solidarietà o sporcano tutto. che fortuna questa donna donne.
cosi anche l’inferno é un’avventura bastarda. basta che non sia in alcun modo dantesco. quello palermitano e meglio: questo di questo libro che é brasiliano. sono ottimi inferni. sicuramente preferibili a un normale purgatorio di prevedibili sviluppi di pacificabile misura morale e fisica.
cos’altro chiedere oggi qui a un libro? é anche breve. meno di 150 pagine. ha capitoletti fulminei. e tanta ineffabile teporosa ironia da eiettare a ogni pagina la soluzione romanzesca di un giallo. e alla fine di mantenere la promessa.
concludo cosi questo mio mercenario commento: che se qualche patetico poliziotto ti spezza un molare e li alla sua radice ti fa applicazioni terapeutiche di elettricità certo non puoi ridere come ti piacerebbe. eppure l’autore lo fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PAOLA MOBILE PASQUALE
Dal punto di vista del cane la mia vita vale meno di un qualsiasi singolo osso. E’ un fatto. Lo Read more.
SIDEWAYS
  (foto di Rosanna Costantino, 2020) Read more.
IL FUMO 1 (da Favole del ’68)
spasimavo dalla voglia di stringere il collo e la testa del fumo usvardi mi sentivo se stavo col turchese tosato Read more.
(capitolo ventiseiesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
– Scendendo Pablo ha sventato lo scasso. Fortuna asciuga gennaio. Silenziosi invisibili come acqua nell’acqua distillata buona per stirare profittare Read more.
FINE SERVIZIO
Mi cambio lentamente, mi siedo sulla tazza del cesso per allacciarmi i sandali, mi accendo una sigaretta. Di là, dal Read more.
GLI SPAGHETTI DISMESSI
era un bel tempo quello in cui salmodiavi senza capire che il vento avrebbe travalicato il nostro autunno fiero di Read more.
EPISODIO 6 / UNA COSA BUONA
Anche se imperfette, irriconosciute, casuali le cose buone si prendono, riflette Johnny. Poi ci si rivolge alla ditta Rammèmori per Read more.
LA CAPRA
  Nel retroquadro la capra, nascosta alle voglie di Pan, rintraccia le briciole che Pollicino ha seminato. Al sicuro da Read more.
ALTRI FRAMMENTI (13)
L’apertura in città di grandi centri commerciali ci ha, inizialmente, incuriosito. Alcune linee dei nuovi tram elettrici sfociano in prossimità Read more.