LA SIGNORA DEI BAGNI DELL’AUTOGRILL

mi ha fatto piacere che finalmente dopo tanto tempo un handicappato vero uno sulla carrozzina abbia usato il bagno dei disabili ne girano pochissimi di handicappati qui di norma nel loro bagno ci entra chiunque tranne i disabili uomini e donne normali che trovano gli altri bagni occupati e entrano in quello a combinare gli stessi comodi che combinano negli altri bagni e io dopo a pulire gli schizzi le strisciate le tavolette sporche il rotolo della carta igienica buttato in terra non hanno rispetto chi se ne frega intanto c’è la vecchia che pulisce i cessi è lì apposta è il suo mestiere un gabinetto vale l’altro handicappati o meno cinquanta centesimi a pipì un euro a cacca i prezzi li stabiliscono gli utenti c’è l’offerta libera ma in genere sono cinquanta centesimi a pipì e un euro a cacca è un autogrill si va di fretta non hanno tempo per prendere la mira è già un miracolo se non mi urinano addosso ‘sti maiali invece questo handicappato non solo è stato la pulizia in persona (controllo sempre l’interno dei bagni dopo l’uso) ma quando è uscito sulla sua carrozzina si è anche complimentato mi ha detto “complimenti signora il bagno splendeva” “si figuri” gli ho risposto “è il mio mestiere ci mancherebbe ancora comunque grazie di cuore gentilissimo grazie mille magari fossero tutti handicappati come lei”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA TERZA FIGLIA
A volte, quando anche la seconda fra le tue figlie è rientrata, saranno le quattro del mattino, e tu finalmente Read more.
INTERNO UNO
Quando l’Uomo creò Dio, Annabianca era impegnata in un’altra conversazione, perciò non vide sorgere la Luna et le Stelle, né Read more.
NIENTE E’ DIVERSO E SE E’ DIVERSO NON E’ MAI VERAMENTE DIVERSO
I 6 effetti benefici del bicarbonato. I 5 vantaggi della frutta secca. I 9 cibi più ricchi di iodio. Gli Read more.
(capitolo quattordicesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
La dottoressa citofona a Gina e le dice di chiamare l’ascensore. Il computer è riparato. Gina preme il pulsante, attende Read more.
ora che (6)
– lo scrivere e il parlare sono presi a pesci in faccia dal fare – appunto tu cominci a fare Read more.
IO SONO JACK SMITH (II)
Non saluto alle spalle della gente. Io sono jack smith. Se ti giri dopo che ti ha detto addio non Read more.
IL FLUSSO
C’è questo flusso e bisognerebbe eliminarlo. O meglio, sarebbe meglio se non ci fosse. E invece c’è. È in posizione Read more.
ora che (5)
‘ehi tu’ (ma si ‘ehi tu’) ‘io’? ‘tu, dove stai andando?’ ‘non posso?’ ‘hai con te il biglietto?’ ‘certo che Read more.