e allora niente, era lì con me

e allora niente, era lì con me, nuda sul letto, bellissima, con tutte le cose tipiche della donna nuda sulla pelle, c’aveva la figa e le tette dal vivo voglio dire, però era messa di culo, sdraiata sulla pancia, si vedevano il culo e il resto che c’è dietro a una donna nuda, m’ha chiesto un massaggio, “fammi un massaggio alla schiena” ha detto “ce l’ho tutta che mi fa male”, io ero vestito, cioè avevo una maglietta e le braghe del pigiama, nient’altro, comunque la situazione era questa, una situazione buona, no?, certo che sì, alla grandiosa, una situazione ficcante, le ho detto “’spetta un secondo, torno subito”, e lei “dove vai?”, “te ‘spetta che arrivo subito”, son sceso dal letto, mobiletto del bagno, flacone di vaselina, la vaselina è ideale anche per i massaggi, una spruzzata d’olio sulla schiena, lei ha avuto uno scatto, piccolo, “è fredda, mi piace” ha detto, gliel’ho spalmata dappertutto, anche lì voglio dire, mezz’ora a massaggiarle schiena gambe e passera, inginocchiato vicino, lei ogni tanto miagolava, “ahhh” diceva “che bello”, la sua voce un petalo di rosa, a quel punto la situazione era diventata ottima, no? no, dire ottima è poco, direi piuttosto che era magica, sì, era una situazione magica, mi son spogliato nudo, lei sempre distesa, la schiena unta, il culo idem, la faccia sul cuscino, di lato, “che fai?” m’ha chiesto, “non saprei, dimmelo te” le ho risposto, avevo il pisello di pietra, il granito giusto per scopare voglio dire, lei s’è girata, m’ha guardato, occhi azzurri come il blu del cielo, “non mi va di scopare” ha detto, mi son sentito lo stucco nel cuore, le ho detto “ma che dici?”, e lei “scusa, lo so, sono una stronza, scusa, mi sono lasciata da poco col mio ragazzo, scusa”, e allora niente, è andata così, ho rimesso via la vaselina, situazione magica crollata, un crollo generale direi, eravamo a casa mia, nudi sul mio letto, ho ripensato a blade runner, al monologo finale, quello famoso “io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi”, ho ripensato a blade runner, a quel monologo lì, “io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi” voglio dire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

IL MOTEL DEL SIGNOR GRIGOLI
C’erano ovunque televisori accesi. Si respirava aria di guerra atomica. A Comiso i cruise erano in codice rosso e si Read more.
SIEDE UNA VECCHIA
siede una vecchia sul desco della sera rammenda i calzini della luna presto arriveranno i cuccioli col muso d’oro già Read more.
ora che (13) – marzo 1980 –
così stando sempre disteso faccia all’aria e gambe appena divaricate immobile sul letto e in silenzio in effetti sto sviluppando Read more.
INCONTRI
Una pietra in un bar la battigia in un cinema le facce si accavallano in un peripato si sovrappongono nuove Read more.
(L’OCCHIAIA. 76.)
Inaspettato e per ciò doppiamente gradito, sulle distratte superfici incolori delle vetrine a tutte le ore ingrigite dai soliti svogliati Read more.
COMMESSA
Sorpresa nella più totale disinformazione si trincerò dicendo di non essere tenuta a riferire cifre e resoconti. Read more.
NUVOLA ROSSA
Leggo le notizie e mi rendo conto che è il lancinante l’oggidiano orizzonte degli eventi… una grande Nuvola Rossa annuncia Read more.