e allora niente, era lì con me

e allora niente, era lì con me, nuda sul letto, bellissima, con tutte le cose tipiche della donna nuda sulla pelle, c’aveva la figa e le tette dal vivo voglio dire, però era messa di culo, sdraiata sulla pancia, si vedevano il culo e il resto che c’è dietro a una donna nuda, m’ha chiesto un massaggio, “fammi un massaggio alla schiena” ha detto “ce l’ho tutta che mi fa male”, io ero vestito, cioè avevo una maglietta e le braghe del pigiama, nient’altro, comunque la situazione era questa, una situazione buona, no?, certo che sì, alla grandiosa, una situazione ficcante, le ho detto “’spetta un secondo, torno subito”, e lei “dove vai?”, “te ‘spetta che arrivo subito”, son sceso dal letto, mobiletto del bagno, flacone di vaselina, la vaselina è ideale anche per i massaggi, una spruzzata d’olio sulla schiena, lei ha avuto uno scatto, piccolo, “è fredda, mi piace” ha detto, gliel’ho spalmata dappertutto, anche lì voglio dire, mezz’ora a massaggiarle schiena gambe e passera, inginocchiato vicino, lei ogni tanto miagolava, “ahhh” diceva “che bello”, la sua voce un petalo di rosa, a quel punto la situazione era diventata ottima, no? no, dire ottima è poco, direi piuttosto che era magica, sì, era una situazione magica, mi son spogliato nudo, lei sempre distesa, la schiena unta, il culo idem, la faccia sul cuscino, di lato, “che fai?” m’ha chiesto, “non saprei, dimmelo te” le ho risposto, avevo il pisello di pietra, il granito giusto per scopare voglio dire, lei s’è girata, m’ha guardato, occhi azzurri come il blu del cielo, “non mi va di scopare” ha detto, mi son sentito lo stucco nel cuore, le ho detto “ma che dici?”, e lei “scusa, lo so, sono una stronza, scusa, mi sono lasciata da poco col mio ragazzo, scusa”, e allora niente, è andata così, ho rimesso via la vaselina, situazione magica crollata, un crollo generale direi, eravamo a casa mia, nudi sul mio letto, ho ripensato a blade runner, al monologo finale, quello famoso “io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi”, ho ripensato a blade runner, a quel monologo lì, “io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi” voglio dire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTOPIANINO
Tentando di combattere nemici contro i quali non può nulla – con tutte le sue forze, ve lo giuro – Read more.
COMPOSIZIONE 1
  (Foto di Giuseppe Zimmardi, 2001) Read more.
REPLICHE 10
a mala pena in continuazione o a ragione di quanto sopra autorizzato sincronizzano gli effetti alla lunga serie di fotografie Read more.
GLI ALTRI – n.14
finestra, pop corn, sdraio, coca e canella sono le mie estati. Di sera. Sto lì e passo le mie estati. Read more.
BENESSERE MILITANTE – Scena V
camera ardente sfila gente scurita via alla soggettiva del morto ogni ombra alla fonda Viva il Re! afosa spoon river Read more.
DENTRO DI TE
Dentro di te hai giardini dove io passeggio e sono addobbati con merletti di luce la luce delle cose che Read more.
ESSERE E SIGNIFICARE
A scanso di equivoci e Cronicamente equivoco Recuperato dal fondo Ottenebrato in luce e Stocastico e irrimediabilmente rimossa la provenienza Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.57
La quaresima del sonno è la veglia, Una fiaccola al dì di corrosi enigmi Patrioti del cosmo i versi Scesi Read more.
IL PROFETA DELLE PERIFERIE (9)
Gli incantesimi ottici si moltiplicavano e i ragazzi sbandavano, sballavano, molti correvano appresso alle immagini incantatrici, alcuni cadevano e si Read more.