LA SUGNA

Da Shakespeare sin a Schubert…
La pesante busta che la notte ebbe lasciata
Nella buca delle lettere del sole
Non declinò punta nuova né al sciupo volle
Nel baratto l’inconveniente di parole…
Quel che ci lascia il postino è a pena un ticket
Di spine che ci illudé esserci in là un fiore
O un petalo energumeno sfasciato sullo stilo
Quel che ci lascia appena è un tanto d’osso
Autosilo a un soliloquio… Quia umbræ?
Se su noi vaneggia, ñacurutú, la pesadumbre
Del cielo sunteggiato dalla sugna
Quel che restò è un violoncello di chiodi per rea spugna
Che celebra della viola da gamba il de profundis:
Che c’alberga in occhi di Perdìta o di Despìna
Negli acidi dei corali coralli e dei cuor vermigli
Di Winter’s tale o di Winterreise?
Il colùbro non ha veleni in carabina
Che per Isabella Laudòmia o Margherita
Per qualsiasi femmina di un macchiaiolo o un fauve
Fauverina se il mestruo zompa su una profiler
D’assassina!

(da Frammenti nel dialetto della Focide)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BENESSERE MILITANTE
Prologo Parcheggio: s.m., piazzale o parte di via urbana o sotterraneo, in cui si possono lasciare in sosta le automobili, Read more.
IL FUMO 2 (da Favole del ’68)
per una totale autocritica ci sentivamo morti sotto seppelli cimine erano fiori renne pesciuzzi ma di dad e usvardi proprio Read more.
PER TUTTA LA MORTE
Mi dici per tutta la vita, e io come al solito positivo a tutto bottone rispondo: guarda che per tutta Read more.
CITTADINANZE
Le palme filifere hanno preso casa in via Mercatelli tra i numeri 9 e 17, ospiti nel boschetto di sambuco Read more.
REPLICHE 2 – STIGMA] [ITS
non-nominata]. [percorsa se duplicata sbiadita si danneggia in figure di filigrana proietta dal controripàro ma fuori controllo scàrto aggiunto di Read more.
SOTTO…
Sotto il pergolato della lunazione-moria I carnefici della luna-agonia Che mai ci dicono? E dicono che   Il coltello, parendo Read more.
EPISODIO 7 / ARCHITETTURE
Le cellule osservano. Curiosa composizione l’uomo, e ognuno si fa il proprio equilibrio. Quello di Johnny, infine, si è realizzato Read more.
CANCRENE
Fatti guardare, ma non da vicino. Voglio inquadrare le tue ferite e i tuoi lamenti che sono anche i miei, Read more.
DA QUALCHE PARTE
  si vede un uomo che guida di notte per le strade di una città una sottile patina di pioggia Read more.