ULTIMA SETTIMANA DI SETTEMBRE

Nel genio asintotico in cui si ritrova la sua testa c’è spazio per la pioggia che si infessura, sussurra non avere mai sopportato le stagioni, né la lingua sottopalatale, né le strade senza punta, né i cancelli dei denti che sono solo letteratura. Offre rosolio per confondere l’insopportabile aria naturale, il tuffo è miscredente, niente puoi aspettarti dall’acqua di una piscina se non il morso del ragno o il tanfo di un cadavere o un filo elettrico scoperto o una idra priva della sua testa più bella, o il sorso di un fiume, o l’accidenti che ti capita ogni giorno, o l’arrosto di lattuga, o il vizio diventato fortuna, o l’ingombro di un corpo che ti insolentisce spacciandosi tuo parente, o le belle strisce bianche nel segno del sorpasso, o le luci accese rabbuiate dal controsole, o le rotelle che sgonfiano le gambe, il naso che sembra una gru in difficoltà, le isole figurine, l’ascesso di tosse, la telefonata per errore al barbiere invece che all’ambulanza, il torrido arrivo dell’inverno che amplifica il rumore della stagione, il sangue che non scorre e si ferma a pochi metri dalla fermata del naso, l’ascesa per grazia di dio, il silenzio dei magnifici rumoristi del cinema nell’ultima settimana di settembre, l’ascolto sordo di un sordo.
Il perché è tutto questo senza questo, schizza da scarpe che schizzano nelle pozzanghere delle prime piogge d’autunno.
La bisogna, i bisognini li chiama il landolfo, di farla presto, di crearlo subito il nulla, anticiparlo prima che la lucciola lo mangi e il container della patta si freddi al sole.
Oppure, assaggiare i tuberi dei gigli, le farfalle in fiore, i topi seppelliti nei sacchetti di veleno alla fragola e gli anni uccisi.
Tutto dentro la testa è genio asintotico, lampada di aladino. Spende e spande e splende in qualsiasi ora del giorno. Se oggi è nuvolo e domani è nuvolo e dopodomani è nuvolo ed è infinitamente nuvolo, il genio puo’ rigenerarsi pure dall’inchiostro. Il calamaio mio nonno lo tiene sempre pronto dentro il cassetto della sua scrivania verde maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* * *
Con il disavanzo endemico avente carattere di malattia gli animali e i vegetali di un dato territorio si ammalano e Read more.
SPIRITELLI ROSSI SUI CIELI ITALIANI (liberamente ispirato alle osservazioni di Roger Spinner – Osservatorio di Montsevelier – fonte ANSA)
Spiritelli rossi lampeggiano sopra un temporale nel nord Italia La tempesta si accanisce contro Veneto e Lombardia Gruppi di spiritelli Read more.
PERDE PEZZI
la casa vive e muore in aria perde pezzi si affloscia sulle fondamenta la polvere disegna l’aria ” song of Read more.
NON MI CHIEDERE
Non mi chiedere dove sei perchè non scrivo se ti amo io sono un’isola non potrei esistere se non ci Read more.
ora che (19) – marzo 1980 –
‘quando ti vedo?’ ‘quando vuoi, da qui non mi muovo’ – ora per favore tu dovresti scostarti un po perché Read more.
SOMMOSSA
Oggi mi sento Ottocentesco e voglio organizzare una sommossa. Ci appostiamo, tutti e mille, intorno al crocevia dove arriverà il Read more.
GIACENZE DI MAGAZZINO
pane e cioccolato pane bianco pane nero pane duro pane e panelle pane con milza pane di stelle pane di Read more.
LE OSSA CONTANO
Le ossa contano come le costole rinforzate delle petroliere gli spilli imbastiti nell’orlo delle gonne la sensibilità “alle palpebre di Read more.