DIVINITA’ DELLE ATTIVITA’ AGRICOLE

Ci si convinca che molto più semplicemente si è trattato dell’innesco di una reazione a catena. Una di quelle manifestazioni biologiche che non c’è essere umano che riesca a controllare. Nessun moto d’odio. Nessun “c’era da aspettarselo, si è vendicato”. Poteva capitare a tutti. L’ippocampo ha ricordato la vicenda (che risale, dovrebbe essere, a tre anni e mezzo prima), l’amigdala ne ha giudicato il valore emozionale e ha mandato impulsi all’ipotalamo per l’attivazione del sistema nervoso simpatico, al nucleo reticolare talamico per aumentare i riflessi e ai centri del movimento, al sistema cardiovascolare, ai muscoli e all’intestino per la gestione dell’emergenza capitata al signor G.S.D. 56 anni di Petralia Soprana. Che a sua insaputa ha contemporaneamente sfogliato i propri sistemi mnemonici per richiamare ogni informazione utile alla gestione di quel codice rosso improvviso: attacco, difesa, coraggio, paura, eventuale fuga. Col risultato che il suddetto signor G.S.D. ha letteralmente “assistito” – così riferiva – da spettatore a una scena che lo riguardava direttamente ma suo malgrado: sferrare un gancio che atterrava l’ingegnere S.S., 64 anni di Castelbuono, nel bar di Castellana Sicula, il primo entrando a destra, in direzione di Sottana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA TERZA FIGLIA
A volte, quando anche la seconda fra le tue figlie è rientrata, saranno le quattro del mattino, e tu finalmente Read more.
INTERNO UNO
Quando l’Uomo creò Dio, Annabianca era impegnata in un’altra conversazione, perciò non vide sorgere la Luna et le Stelle, né Read more.
NIENTE E’ DIVERSO E SE E’ DIVERSO NON E’ MAI VERAMENTE DIVERSO
I 6 effetti benefici del bicarbonato. I 5 vantaggi della frutta secca. I 9 cibi più ricchi di iodio. Gli Read more.
(capitolo quattordicesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
La dottoressa citofona a Gina e le dice di chiamare l’ascensore. Il computer è riparato. Gina preme il pulsante, attende Read more.
ora che (6)
– lo scrivere e il parlare sono presi a pesci in faccia dal fare – appunto tu cominci a fare Read more.
IO SONO JACK SMITH (II)
Non saluto alle spalle della gente. Io sono jack smith. Se ti giri dopo che ti ha detto addio non Read more.
IL FLUSSO
C’è questo flusso e bisognerebbe eliminarlo. O meglio, sarebbe meglio se non ci fosse. E invece c’è. È in posizione Read more.
ora che (5)
‘ehi tu’ (ma si ‘ehi tu’) ‘io’? ‘tu, dove stai andando?’ ‘non posso?’ ‘hai con te il biglietto?’ ‘certo che Read more.