l’asteroidicello gamma (il lavoro mentale) 20’78

trivia nei pleniluni
(01.07)
– forse che mi capita ancora d’arrabbiarmi? oh no. no.
– luglio pieno di ceneri più o meno vulcaniche. umori silicei (nelle province paretofrontali)
– anche i ragazzi quando parlano lo fanno scoppiettando ma senza emettere scintille.
– luglio 1978 non accade nulla. non s’accende nulla. l’elezione del pr della rep s’addice a un tempo cosi e cosi.
(la fatica per evitare gli aggettivi)
– le proposizioni si mostrano subito senza mutande. pronte. e hanno ragione. ma passando ri¬sento dire da qualcuno (e non voglio guardarlo in faccia) ‘non sono i comportamenti degli uomini che determinano la forma dei modelli. é vero il contrario. é la forma’. – che te ne faresti di queste (e anche di quelle) proposizioni. ‘quelle’ dove per esempio trivia nei pleniluni sereni
plenilunio. parola pastosa. da
– no non m’arrabbio

ma si bloccato in un angolo. placcato. se mi muovo la più forte tra le mie certezze avere la lingua in bocca si schianta.
se non mi muovo: il riso continuo trasforma la mia apparente immobilità in effettivo disastro.
un radiofaro gira da mesi su tutte le mie teste su tutti i miei corpi. impregna della sua frequenza tutti i miei ritmi intracellulari. mi placca. quindi mi smorfia. infine comincia a togliermi la buccia.
io? noi? le masse? il potere? – sob (forattini (ma anche gli altri) non ha mai saputo dare fiato visivo al teorema ‘sob’) fare ritratti. soltanto ritratti. che é il miglior paesaggio.
e c’é linea. e anche confine.
e soprattutto avendo tali requisiti e avendone altri anche più precisi può essere docilmente ‘diminuzione illimitata’.

ritratti sottrattivi. smalto. lo smalto poverino.
io acquaragia? acquaragia in crisi. quasi acquerugiola.
ritratti di autoritratti in serie: qui comincia klee li finisce vermeer.
mi chiedi: chi sarebbero? dico: chi sarebbero se ci fos¬sero. no klee e vermeer sono due dei sette tic esitativi che mi assalgono quando tento di elaborarmi.

facendo ritratti anzi: facendo cose che chiamerei e vorrei sempre chiamare: ritratti ti libererai di ogni tentazione.

é tutto pagato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UN UCCELLO PERDE LEPENNE
Un uccello perde lepenne semina nella stanza ricordi di niente né raggi né chessò nuvole di cartacce viste su vetri Read more.
IL TENNIS
Yoko Ono non aveva quel culo, e il semestre trascorre senza che accada nulla in particolare. E’ un chiaro fotomontaggio Read more.
l’asteroidicello gamma (il lavoro mentale) 30’78
premessa pratica (29.07) – non riesco a liberarmi dei settimanali che compro da anni e soltanto per guardarli. e non Read more.
LA VOCE DELLA LUNA
Federico prima di morirsi filmava ancora l’ora di stupirsi. Read more.
NEL MIO PAESE
nel mio paese se arrivano le pellicole è dopo sei-otto mesi dalla prima uscita. e della crisi finanziaria ne arriva Read more.
GIALLO 1
La luce se n’era andata alle cinque del pomeriggio. Fuori tempesta e diluvio che scuotevano le palme della piazza sottostante. Read more.
LE BOCCE
Solitamente il ragazzo veste l’abito del ritiro il cappello di malaspina la voce fina da eunuco lo spiritismo di un Read more.
IL PRIMO SECOLO DI FERLINGHETTI
MANIFESTO POPULISTA N.1 di Lawrence Ferlinghetti traduzione e interpretazione di Marco Palladini Poeti, uscite dalle vostre stanzette, spalancate le vostre Read more.