SULLE RIVE DEL TONTO (35)

Di continuo, senza un perché, bolle di sapone sbocciano a grappoli davanti alle nostre bocche stupite. Come un canticchiar di bimbo le chiama a sé dalle untuose profondità di una notte ancora tanto lontana dall’alba e ce le soffia via. L’animoso fascio di luci di un proiettore, danzando nell’oscurità, sfuoca i nostri volti fra le loro effimere iridescenze randagie…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHE VUOLE ANCORA QUELLA MOSCA
Tantissime lune passate Continua a intrufolarsi Tra lui e me Mi osserva dal cuscino bianco Dove lui bianco è ramingo Read more.
SCINTILLE NERE NERE
Vedi il tronco che si schianta sui cavi dell’alta tensione e manda scintille nere nere vedi l’incavo bianco del cielo Read more.
l’asteroidicello gamma (il lavoro mentale) ’78/1
sono tante le minuscole cose che non sopporto. la notte tranquilla. la vocina di chio che chiede di fare pipi Read more.
Quando ho riletto l’ultima chat tra me e la mia amica Giulia ho pensato: “Immagina te se adesso gli alieni
Giulia: Federica non conosce l’esistenza delle tarme. Mia madre avrebbe un colpo apoplettico. Andrea: E non va mica bene. Giulia: Read more.
UN LOMBRICO MORTO IN CASA
Quello che più mi ha strizzato è che questo lombrico sia riuscito a entrare morto in casa. Con la doppia Read more.
(capitolo secondo) E GLI AVOCADO SPARIRONO IN UNA NOTTE
Alle tre di notte voci nella strada. Aggiusto la vista dietro le persiane. Non c’è luna. La poliziotta illuminata dalla Read more.
PICCOLE E POI PICCOLISSIME CITTA’ D’ITALIA
ho foto di quasi tutte le grandi piccole e poi piccolissime città d’Italia interamente di notte e a mezzo busto Read more.
CONDIZIONI ABITATIVE
Quando ancora esistevano le case, gli umani le abitavano, ma le costruivano altri umani, diversi da quelli che poi le Read more.
INTRAMOENIA (Leonora Carrington) ad Andrea Fiorito
“Era anche per sfuggire il mondo che ogni giorno mi recavo allo zoo. La bestia che ho conosciuto meglio era Read more.