Nella casa di Valentino Zeichen* hanno parlato del rapporto fra la scienza e la poesia di Valentino Zeichen, che essendo morto nel 2016 non era presente

Si evince che si preoccupava per la morte delle sirene – insieme all’inquinamento da Co2, agli shampoo e allo scolo nelle bolle dei detersivi – la figa secca delle ragazze lo preoccupava di meno – mensole di deodoranti per ascelle – in aggiunta alle molecole che ti fermano per strada fuggendo. – dal 1983 a oggi la situazione non è che peggiorata – Lui, come per magia, l’aveva previsto e, alla fine, è morto – anche se è difficile comprenderlo nella visione di un mondo a sé.

 

I poli sono roventi per mostrare le anomalie tecniche e arrostire in una recente riproduzione. – Già da trent’anni il percorso di sensibilizzazione avveniva nelle gabbie – erano matti, erano giovani – mentre l’universo si espandeva e i gas invadevano il suo corpo solido – Bisogna immaginare una linea atomica senza per forza essere amici – non basta aggiungersi al calcolo residuale delle stelle in movimento – è risaputo che i combustibili fossili sono un traffico apocalittico.

 

L’umanità è chiamata a 10.000 gradi, per cui nel prisma l’armonia diventa irrespirabile – le massaie con i loro candeggi sono le più pericolose – Cantano in coro: “Tu che c’hai tempo, parlaci tu!” – e intanto gli scorrevano davanti i millenni, gli anni, i compleanni e le clessidre che si rovinano in fretta – sono la pancia del tempo – Aumenta l’entropia, aumenta il caos – ma la paura è ormai lontana, perché è a questo punto che si legge il silenzio – “Niente panico, gente! È solo il Big Bang!” – non si spingeva oltre, non gli piaceva.

 

Adesso, però, concediamoci una breve pausa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

IL CINQUE MAGGIO
C’era quello. Siccome che il respiro gli mancava C’era da credere che fosse morto Anche perché aveva la faccia strana Read more.
ULTIMA SETTIMANA DI SETTEMBRE
Nel genio asintotico in cui si ritrova la sua testa c’è spazio per la pioggia che si infessura, sussurra non Read more.
TRE MADONNINE
Ieri ho visto tre Madonnine di maiolica che passeggiavano al sole per un sentiero della Valle Agordina. Pur lacrimando, come Read more.
l’asteroidicello gamma (il lavoro mentale) 15’78
la rosa del deserto la mia personale perfezione non tollera le prospettive delle turbe circostanti. attorno a me. in relazione Read more.
THE GOOD
Un chilo di 21 ingredienti di sintesi e di molecole coltivate in laboratorio che “a differenza della mucca, che non Read more.
INCIPIT/EXCIPIT (John Cheever)
Era una domenica di mezza estate in cui tutti se ne stanno seduti e continuano a ripetere: “Ho bevuto troppo Read more.
RISCHI DELLA CITAZIONE
«Contrary to Reason, against the Day», dice Thomas Pynchon le cose che immancabilmente farei, a costo di perdere ogni cosa. Read more.
MATEMATICAMENTE AL 50%
1 non sarò mai famoso non capisco i grossi problemi fare la spesa ed essere riconosciuto essere frainteso dai giornalisti Read more.
(capitolo sesto) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
Accendo la radio. Sono state immagazzinate informazioni in frammenti attivi del tessuto cerebrale di un mammifero. L’esperimento è stato effettuato Read more.