EXCELSIOR

Oggi, solitudine, ho deciso di crederti
In una barca così oziosa che sanguina all’inguine
Come il martin pescatore col filo cruento
Del nolo che infila la cruna dei pesci-sfinge…

(Sul lago di Tiberiade ha un suo remo roano
La barca dei dodici con quell’ospite strano
Che in piedi sullo scafo mi fa segno e ne tremo
Se con la stola del forcipe, la buccia dell’amo sovrano…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTOPIANINO
Tentando di combattere nemici contro i quali non può nulla – con tutte le sue forze, ve lo giuro – Read more.
COMPOSIZIONE 1
  (Foto di Giuseppe Zimmardi, 2001) Read more.
REPLICHE 10
a mala pena in continuazione o a ragione di quanto sopra autorizzato sincronizzano gli effetti alla lunga serie di fotografie Read more.
GLI ALTRI – n.14
finestra, pop corn, sdraio, coca e canella sono le mie estati. Di sera. Sto lì e passo le mie estati. Read more.
BENESSERE MILITANTE – Scena V
camera ardente sfila gente scurita via alla soggettiva del morto ogni ombra alla fonda Viva il Re! afosa spoon river Read more.
DENTRO DI TE
Dentro di te hai giardini dove io passeggio e sono addobbati con merletti di luce la luce delle cose che Read more.
ESSERE E SIGNIFICARE
A scanso di equivoci e Cronicamente equivoco Recuperato dal fondo Ottenebrato in luce e Stocastico e irrimediabilmente rimossa la provenienza Read more.
da MITOLOGIA DEL CENCIO – n.57
La quaresima del sonno è la veglia, Una fiaccola al dì di corrosi enigmi Patrioti del cosmo i versi Scesi Read more.
IL PROFETA DELLE PERIFERIE (9)
Gli incantesimi ottici si moltiplicavano e i ragazzi sbandavano, sballavano, molti correvano appresso alle immagini incantatrici, alcuni cadevano e si Read more.