Urui e Utrì (XXII)

Niscennu dilurregnu sitrasia nnapaci. Arburi carrichi, chini ipruna ecchini ivirdi; arburi scumminati, arburi cummancu na pampina, arburi nirbusi. Sutta, scinnennu da larburi alà marina, saddumavanu locchi abbivirati. Li mummari acchianavanu stratuzzi, sciddicavanu nne munzuna dirrina, pi putiri parrari cu Ulunu, u nummaru primitutti, ca sarruspigghiava pipprimo. Caminava pipprimo, silavanzava essallavancava. Latri nummari vinianu darreri, appizzati comu ova dipisci. Ulunu facia labbannio; nsocco dicia, dicia. Vuciava comipisci dumari. Prima dinesciri dalasò rutta, scutuliava apinna lorda, allisciava laiamma, eppò niscia. Incucciava linummari caddimannavano «Comu sinni nesci», «Camaffari», «Quantu nnaccustari», «Unnamagghiri». Ulunu mitteva a cantari i canzuna dupisci chi latana nnatrova, safà. Arrusica e sbacanta, spampina e muzzichia. Masafà. «Ipisci un sarbanu nenti, pi chistu su sempri cuntenti» sannacava Ulunu pricìso anà sirena. I nummari scutavanu. Uno dicia ca ippobbrema est u sparagnu, «Cu sparagna arrobba» rispunnia Ulunu; natru sparava ammuzzu «A curpa est di li piscatura. Astutanu la fantasia di lu mari». Ulunu acchianava a na punta discogghiu e arripigghiava accantari «Upisci cammutta u cumpari, sassicuta ma nun savi ammmazzari». Ulunu sicutaca ca lurregnu era tuttu squatratu, troppi nummari e picca mmaginazioni. Urui assummava, Ucinco paava, Unovi sparagnava, Ureci sascialava, Utrì strummintiava. Minchia savia arrumpiri sturregnu, savia avvugghiri nnallacito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ORE O SECONDI
ore secondi e mai uno tornato indietro l’ennesima rissa in discoteca e mai una in un museo dimmi dove sei Read more.
SULLE RIVE DEL TONTO (39)
Elio mi regala come regalo di compleanno un cofanetto. I gioiellieri amano conficcare dentro ogni loro cofanetto un anello o Read more.
IL CUCCHIAINO della domenica (diario – odierno – della guerra al maiale)
Ormai si assiste all’incredibile. Ma io me la godo e mi sento un cazzo e mezzo. Perché al contrario dell’utente Read more.
l’asteroidicello gamma (il lavoro mentale) 41’78
letizia (11.09) letizia: ‘si sta facendo un baratro tra quelli che leggono fantascienza e gli altri. non lo capisco. io Read more.
SE VUOI CAPIRE LO SPECCHIO
Contrario al leggere devi parole mie le capire vuoi se perciò, dell’inversione mondo il è mio il e specchio uno Read more.
GEOMETRIE VARIABILI
Il cerchio può essere un quadrato, e il quadrato un cerchio; l’insegnante insegnato: così si chiude il cerchio. Read more.
FINISSAGE
sinceramente non ricordo ma poi l’antropologa ha parlato di hemingway e di creta giove arianna labirinto minotauro e picasso sino Read more.
LA BREVE
Conoscessimo la natura degli scandinavi avremmo niente da stupirci per l’incredibile candidatura al Nobel della quindicenne Greta Thunberg su proposta Read more.