Urui e Utrì (XXII)

Niscennu dilurregnu sitrasia nnapaci. Arburi carrichi, chini ipruna ecchini ivirdi; arburi scumminati, arburi cummancu na pampina, arburi nirbusi. Sutta, scinnennu da larburi alà marina, saddumavanu locchi abbivirati. Li mummari acchianavanu stratuzzi, sciddicavanu nne munzuna dirrina, pi putiri parrari cu Ulunu, u nummaru primitutti, ca sarruspigghiava pipprimo. Caminava pipprimo, silavanzava essallavancava. Latri nummari vinianu darreri, appizzati comu ova dipisci. Ulunu facia labbannio; nsocco dicia, dicia. Vuciava comipisci dumari. Prima dinesciri dalasò rutta, scutuliava apinna lorda, allisciava laiamma, eppò niscia. Incucciava linummari caddimannavano «Comu sinni nesci», «Camaffari», «Quantu nnaccustari», «Unnamagghiri». Ulunu mitteva a cantari i canzuna dupisci chi latana nnatrova, safà. Arrusica e sbacanta, spampina e muzzichia. Masafà. «Ipisci un sarbanu nenti, pi chistu su sempri cuntenti» sannacava Ulunu pricìso anà sirena. I nummari scutavanu. Uno dicia ca ippobbrema est u sparagnu, «Cu sparagna arrobba» rispunnia Ulunu; natru sparava ammuzzu «A curpa est di li piscatura. Astutanu la fantasia di lu mari». Ulunu acchianava a na punta discogghiu e arripigghiava accantari «Upisci cammutta u cumpari, sassicuta ma nun savi ammmazzari». Ulunu sicutaca ca lurregnu era tuttu squatratu, troppi nummari e picca mmaginazioni. Urui assummava, Ucinco paava, Unovi sparagnava, Ureci sascialava, Utrì strummintiava. Minchia savia arrumpiri sturregnu, savia avvugghiri nnallacito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SIFONOFORO 35
l’aria è più scura. cessano le telefonate. il vento aumenta. chiamo al telefono l’ospedale civico. non risponde nessuno. richiamo. la Read more.
AMORI FOTOVOLTAICI
Grazia è come una coperta soffice mentre mi nascondo nell’ astrolabio che sutura ferite di altri mondi quelli che mi Read more.
LA BARBIERA
Ho visto Sophie, quest’automa di ultimissima generazione, e dico che è stupefacente. L’approssimazione umana è quasi perfetta. Non fosse che Read more.
7 marzo 2009 (Tra arti e Con giunzioni)
Se ti guardi addosso, il migliore posto dove pensare di vivere è un vestito. Non una casa con libreria, né Read more.
R.I.P.
La lingua come un virus che s’ingorga nei penetrali del tempospazio perduto. Va. Senza pensiero. In movimento. Alla ricerca. Dell’opera Read more.
NON C’E’ MODO
non c’è modo di salvarsi dalla vita nemmeno con la morte allego due copie del curriculum vitae e carta d’identità Read more.
Urui e Utrì (XXIII)
Arraggiunavanu i nummari intra iddi; spartevanu assummavanu, pigghiavanu arrialavanu, sparravanu curtigghiarii. Ucinco taliava asopanza vacanti: nenti sarbato, nenti caminari. A Read more.
FUORI DA
Così ci disse quel lupo. Il tempo attiene all’esistere e non all’essere. E forse non a tutto l’esistere, ma solo Read more.
SPERMICULTURA
Questo caffè è il risultato di un incidente. Perché il minuto/minuto e mezzo che ho impiegato per sorbirlo, per riporre Read more.