LE NOZZE

Clara Wieck clarissa del pianoforte mariée Schumann a
Convolata a giuste nozze dal clavicordo al piano

Ai tasti neri e bianchi in furia ne rimugina
Frasi al pedale di gravi in cui respira piano

La falesia del fato sulle rocce a picco sulla testuggine
Delle acque dove respira col proprio incolto fiato
Chi va a annegare come Icaro nella fuliggine
Delle acque del sole amaro, sole pidocchioso e ingrato!

Clara Svíčková* vieille fille bába mariée mon Schumann b
A nozze in quelle falesie sbiancate ne mutilò pian forti
Coi tasti bianchi e neri nell’incuria, fili a suo danno
Che rimuginano la linea della vita confusa al promontorio della morte.

* Svíčková [bába] vale beghina, bacchettona. L’espressione ceca significa, alla lettera, “vecchina delle candele” e qui si immagina con arbitrio, benché con una grande verosimiglianza, che Clara Wieck vegli sul morto Schumann.

a pronunciare alla tedesca; b alla francese.

(da Frammenti nel dialetto della Focide)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SIFONOFORO 35
l’aria è più scura. cessano le telefonate. il vento aumenta. chiamo al telefono l’ospedale civico. non risponde nessuno. richiamo. la Read more.
AMORI FOTOVOLTAICI
Grazia è come una coperta soffice mentre mi nascondo nell’ astrolabio che sutura ferite di altri mondi quelli che mi Read more.
LA BARBIERA
Ho visto Sophie, quest’automa di ultimissima generazione, e dico che è stupefacente. L’approssimazione umana è quasi perfetta. Non fosse che Read more.
7 marzo 2009 (Tra arti e Con giunzioni)
Se ti guardi addosso, il migliore posto dove pensare di vivere è un vestito. Non una casa con libreria, né Read more.
R.I.P.
La lingua come un virus che s’ingorga nei penetrali del tempospazio perduto. Va. Senza pensiero. In movimento. Alla ricerca. Dell’opera Read more.
NON C’E’ MODO
non c’è modo di salvarsi dalla vita nemmeno con la morte allego due copie del curriculum vitae e carta d’identità Read more.
Urui e Utrì (XXIII)
Arraggiunavanu i nummari intra iddi; spartevanu assummavanu, pigghiavanu arrialavanu, sparravanu curtigghiarii. Ucinco taliava asopanza vacanti: nenti sarbato, nenti caminari. A Read more.
FUORI DA
Così ci disse quel lupo. Il tempo attiene all’esistere e non all’essere. E forse non a tutto l’esistere, ma solo Read more.
SPERMICULTURA
Questo caffè è il risultato di un incidente. Perché il minuto/minuto e mezzo che ho impiegato per sorbirlo, per riporre Read more.