APOLLO

Ai due alti acri in cui spartito fu Apollo,
Brolo a esborso della tua cava di cuore,
C’è fin dove bocca ti soffia sul collo
Un filare, tra due, di alto colore

Cupo: il primo lo dedico a Amleto sazio
Dei troppi bagliori a soma d’un teschio
Ch’abbacina il dilemma a cionca disgrazia
In cui si barcamena Vita tra « Esser…

E … non Essere! » Ti ficco in mitrale
La vanga che piantò per prima il palo
A cui si sorresse l’uva immortale

Che servì da beverone agli oracoli!
Dove ascende « To be… » e « Or not to be » annuisce
A quel bel ritmo di litania araba,

Reo di una tale danza sistolica,
Si pasce lo spettro di Danimarca.
A boma sotto la lanterna analcolica
Del coma un pilota sfascia la barca

Che va sovra i flutti ma sotto soldo
D’uno scettro di potestà arcidanese.
A poppa ad una lanterna di frodo

Come il cucco dalle pupille scurisce
Quello scafo che inneggiò alla paura.

Pilota lo tinteggia in cinabrese
Sì che la fiancata non beccheggia più a prua
E l’altimetro dei flutti lo redarguisce!

A soldo d’acqua in cui sparta è la poppa
C’è chi obolo chiede al troppo che stroppia…

È una Persèfone che i morti edulcora
Col censimento: « Nigra sum, sed pulchra »?

(da Frammenti nel dialetto della Focide)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PERSICO
Nel corso degli anni ho imparato a perdere. A vincere no, purtroppo. Per perdere dignitosamente bisogna anzitutto sapere per cosa Read more.
A QUEL PUNTO AVER RAGIONE O TORTO NON INTERESSA PIU’ A NESSUNO
Li rilevano e li catturano depurando aria già pulita. Basta abbassare la soglia di tolleranza. Secondo me è un’idea geniale Read more.
da AL BALCONE SOGNANDO
“sai? – penso di dirle – la sicilia è un’isola che in pochissimo tempo è diventata una provincia dei sargassi Read more.
SALVA LA MIA CITTA’ DAL NOSTRO INTIMO DILUVIO
L’amputazione di una gamba avvilirebbe chiunque, specie quando non passa. La sua signora infatti vive quest’incidente con una intensità drammatica. Read more.
SOSTENIAMO
che sfugga alla definizione di lavoratore chiunque svolga un’attività senza il fine di trarne i mezzi necessari alla propria esistenza. Read more.
WHERE EVER
Nei momenti di panne (così li chiamava celiando sul suo cognome) era solito chiedersi dove andavano a finire, confuse nell’immenso Read more.
GLI ALTRI – N.13
dici che vuoi ucciderla per andare da Bruno Vespa e dire qualcuno l’ha uccisa. E sai che per quelli che Read more.
IL PROFETA DELLA PERIFERIE (8)
  Stephano, li condusse, allora, ad affrontare il Deserto delle Tentazioni, l’immensa distesa di un lago di sale disseccato battuto Read more.
MI E’ CADUTO A TERRA IL CUORE
mi è caduto a terra il cuore, che di solito tengo in tasca. per poco non ci ho camminato sopra. Read more.