UNA FOTOGRAFIA SCOMPOSTA DI PICASSO

quel che resta non resta è vago dissolvimento di feci di sangue dal sifone del gabinetto urla chiuse la memoria non salva quel che resta perché nemmeno una stupida parola resta ricordo o lapide o piuma di rosa un autobus perso il telefono che non prende quel che non resta è immobile inamovibile aperitivo fotografico per fingersi in quel che resta non si resta si brucia in tempo prima di sciogliersi in rutto in zoppia d’ammalato prima di lasciarsi quel che non resta taglia si frantuma in codici si masturba in volo volendo e non dolendo accanto alla statua desiderata che non ha pelle né volto ma stringe la mano sulla coscia e non scompare alla veglia dunque nel sordido treno del tempo un cane ubriacone un rosso filato comprato alla fiera nella inutile speranza della sapienza che non appartiene agli uomini ma ai cani e che spesso li accascia dentro l’angolo oscuro di una cambusa e poi risolleva come un’onda esuberante nella camera bianca senza profumo del corpo che all’alba non rivedrà altra alba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LINGUA
La disciplina della punteggiatura. L’umiltà della matita. La grammatica breve, elementare ed esatta. L’onestà intellettuale. Il decoroso incedere delle parole. Read more.
ABBANDONI
Hai lasciato i tuoi libri sul pavimento, e mi chiedo se a guardarli si possa capire quali hai letto e Read more.
COMPILATORI
la realtà fenomenica è controllata da programmi molto piccoli, perfetti per le sue delicate imperfezioni. per ogni variabile o eventuale Read more.
I NUVOLANDESI
Erone Cretese riporta nei suoi diari di viaggio il bizzarro e breve soggiorno tra i Nuvolandesi. Producendosi il caso che Read more.
1)
ed è tramonto di un passo dentro ogni spina di spine la fine di un luogo   la forma dell’angolo Read more.
FIN DOVE
la stanza è un paesaggio sospeso tra terra e mare sul bagnasciuga corpi senza numero un varco per respirare aria Read more.
STORIA DI JAZZ (CORTOCIRCUITI) 1
Il contrabbassista cercò una via d’uscita da quel giro armonico triste, s’infilò nell’imbuto che il barman teneva nel collo di Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (17)
“Tre minuti alla fine del meeting.” “Ci dica MacLoss”, chiede un generale, “è sicuro che funzionerà?” “Vi basti sapere che Read more.
A.K. ROSSO
il prolasso della terra, la carne ferita che pulsa ancora. * la stanza di polvere rossa, una spalatrice rimuove la Read more.