ninni è scomparso

ninni è scomparso

ninni è scomparso nel buio
ricomparirà chissaquando
gli sfioro le spalle
che sono morbide
e tiepide di cachemere

poi torna dilà
porta due bicchieri
– ti va una vodka?
– appena un goccio
sorride versa

regola il volume dell’hifi
riguardo le mie calze
gialle e con stemma
– belle calze
– ti piacciono?

– si
attraversa la stanza
regola il faretto
– è pioggia o grandine?
ci fermiamo e ascoltiamo

ninni fa
– non è grandine
siede e sfoglia un catalogo
– cos’è?
– sto cercando di capirlo

m’è arrivato oggi
col bicchiere in mano
al finestrone guardo
la pioggia e le finestre
del palazzo difronte

ninni mi dice
– perché non partiamo assieme?
– non ho soldi
– non ce ne vogliono tanti
– non li ho

nel quadro c’è una diligenza
sulle balze nere dell’oceano
– questo mi piace
– anche a me ma
non è ancora finito

è una faccia di razza bianca
i capelli sono ricciuti e gonfi
– slavo non è epiteto
– lo so
il naso è a tromba

africano del senegal
i fatti affluiscono
vengono giù dal monte
– non dimenticare il mare
arrivano all’alba in porto

senza bagagli
sulla panchina stanno fermi
infreddoliti
– falli ben coperti
sono grandi e giovani

lui ha una piccola cicatrice
sul mento
lui non smentisce nulla
più in la a sinistra lei
si sta dirigendo verso il bar

– ma no
– si ti dico
mi guarda negli occhi e dice
– sai? non mi basta mai
è talmente ingrossato

che fa allegria
va e viene in continuazione
da blufi a caltagirone
il tempo è primaverile
– ma questo non è un comando

– non ci sono comandanti
è la situazione ogni ventiquattrore
– meglio un terzo
la situazione
ogni nove ore ne salta una

si spostano perché non pesano
si fermano perché non c’è
da lontano sono disordinati
– da vicino è peggio
– non direi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I GHEPARDI
Nel giorno più inutile della sua vita si chiede cos’abbia davvero imparato. Fare le confetture di mele, uno. Issare bandiere Read more.
GRAZIE, HAI DETTO
“è questo il problema”, hai detto e dicendolo piangevi sulla vestaglia, e gridavi che il problema “è che non so Read more.
NELLA TASCA DESTRA
Qui si narra del conte Giacomo Taldegardo Leopardi detto anche Ranocchio. O meglio, si parla della tasca destra del suo Read more.
TURISTA
intendere quello che non si racconta e scrivere di luoghi tempi e relazioni visite alle cucine e biblioteca con esclusive Read more.
ora che (11) – marzo 1980 –
– non ho nessuna difficoltà ad accettare sul mio tavolo il teschio ben ripulito di un cucciolo di dingo – Read more.
(L’OCCHIAIA. 75. “Bipedi 6”)
Incrocia il mio sguardo in ozio, casualmente, e ciò gli fa credere d’essere autorizzato ad avvicinarmi… Attraversa la strada, al Read more.
NON TI VIDI MAI
non ti vidi mai per quello che dicevano di te rosa sfiorita dei liceali le tue mani bianche pareva stringessero Read more.
PENSANDO A TUTTO E A NIENTE 1
Pensando a tutto e a niente mentre il tempo passa e corre. Il sole è appena tramontato La mosca ronza Read more.