280700

se mi metto a valutare i caratteri con corpo relativo
se poi mi metto a caratterizzare i corpi con relazioni
mettendo nel dopo la relatività del corpo di prima
senza avere associato al tempo il carattere che metto
nelle minimissime società messe a confronto del corpo
o se lei crede libere di conformarsi alle valutazioni
o ai corpi che si mettono in attesa relativa del dopo
voglia considerare il fatto che tutti o in parte restiamo
quando restiamo senza voler considerare altri fatti
siamo in ansia se restiamo senza considerazione
da parte di quelli che prima e dopo e mai restano
soltanto così ma dopo fatti che ci toccano restano
e l’essere in pochi ci fa considerare dai molti un più
che sarebbe una considerevole restrizione temporale

siamo qui e solidarizziamo con le emergenze sensoriali
ogni forma ci pare un insulto al carattere di sostegno
che ci viene immesso senza ansia per essere valutato
o almeno è così che consideriamo ogni comprensione
che sia nata fuori dal nostro tempo di appartenenza
i nostri sensi in una società di riposo liberato vanno via
si sottraggono alla nostra solidarietà caratterizzante
vediamo in continuazione che le forme si associano
vediamo che così mettendosi non ci caratterizzano
perché noi in concreto tutti o in parte siamo apparenza
c’è perciò questa specie di considerazione negativa
per cui ogni corpo vivo o non vivo è reso relativo
anzi più che relativo nell’apparenza neppure ci sta
ed è così che le valutazioni della continuità ci offendono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA TERZA FIGLIA
A volte, quando anche la seconda fra le tue figlie è rientrata, saranno le quattro del mattino, e tu finalmente Read more.
INTERNO UNO
Quando l’Uomo creò Dio, Annabianca era impegnata in un’altra conversazione, perciò non vide sorgere la Luna et le Stelle, né Read more.
NIENTE E’ DIVERSO E SE E’ DIVERSO NON E’ MAI VERAMENTE DIVERSO
I 6 effetti benefici del bicarbonato. I 5 vantaggi della frutta secca. I 9 cibi più ricchi di iodio. Gli Read more.
(capitolo quattordicesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
La dottoressa citofona a Gina e le dice di chiamare l’ascensore. Il computer è riparato. Gina preme il pulsante, attende Read more.
ora che (6)
– lo scrivere e il parlare sono presi a pesci in faccia dal fare – appunto tu cominci a fare Read more.
IO SONO JACK SMITH (II)
Non saluto alle spalle della gente. Io sono jack smith. Se ti giri dopo che ti ha detto addio non Read more.
IL FLUSSO
C’è questo flusso e bisognerebbe eliminarlo. O meglio, sarebbe meglio se non ci fosse. E invece c’è. È in posizione Read more.
ora che (5)
‘ehi tu’ (ma si ‘ehi tu’) ‘io’? ‘tu, dove stai andando?’ ‘non posso?’ ‘hai con te il biglietto?’ ‘certo che Read more.