280700

se mi metto a valutare i caratteri con corpo relativo
se poi mi metto a caratterizzare i corpi con relazioni
mettendo nel dopo la relatività del corpo di prima
senza avere associato al tempo il carattere che metto
nelle minimissime società messe a confronto del corpo
o se lei crede libere di conformarsi alle valutazioni
o ai corpi che si mettono in attesa relativa del dopo
voglia considerare il fatto che tutti o in parte restiamo
quando restiamo senza voler considerare altri fatti
siamo in ansia se restiamo senza considerazione
da parte di quelli che prima e dopo e mai restano
soltanto così ma dopo fatti che ci toccano restano
e l’essere in pochi ci fa considerare dai molti un più
che sarebbe una considerevole restrizione temporale

siamo qui e solidarizziamo con le emergenze sensoriali
ogni forma ci pare un insulto al carattere di sostegno
che ci viene immesso senza ansia per essere valutato
o almeno è così che consideriamo ogni comprensione
che sia nata fuori dal nostro tempo di appartenenza
i nostri sensi in una società di riposo liberato vanno via
si sottraggono alla nostra solidarietà caratterizzante
vediamo in continuazione che le forme si associano
vediamo che così mettendosi non ci caratterizzano
perché noi in concreto tutti o in parte siamo apparenza
c’è perciò questa specie di considerazione negativa
per cui ogni corpo vivo o non vivo è reso relativo
anzi più che relativo nell’apparenza neppure ci sta
ed è così che le valutazioni della continuità ci offendono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LINGUA
La disciplina della punteggiatura. L’umiltà della matita. La grammatica breve, elementare ed esatta. L’onestà intellettuale. Il decoroso incedere delle parole. Read more.
ABBANDONI
Hai lasciato i tuoi libri sul pavimento, e mi chiedo se a guardarli si possa capire quali hai letto e Read more.
COMPILATORI
la realtà fenomenica è controllata da programmi molto piccoli, perfetti per le sue delicate imperfezioni. per ogni variabile o eventuale Read more.
I NUVOLANDESI
Erone Cretese riporta nei suoi diari di viaggio il bizzarro e breve soggiorno tra i Nuvolandesi. Producendosi il caso che Read more.
1)
ed è tramonto di un passo dentro ogni spina di spine la fine di un luogo   la forma dell’angolo Read more.
FIN DOVE
la stanza è un paesaggio sospeso tra terra e mare sul bagnasciuga corpi senza numero un varco per respirare aria Read more.
STORIA DI JAZZ (CORTOCIRCUITI) 1
Il contrabbassista cercò una via d’uscita da quel giro armonico triste, s’infilò nell’imbuto che il barman teneva nel collo di Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (17)
“Tre minuti alla fine del meeting.” “Ci dica MacLoss”, chiede un generale, “è sicuro che funzionerà?” “Vi basti sapere che Read more.
A.K. ROSSO
il prolasso della terra, la carne ferita che pulsa ancora. * la stanza di polvere rossa, una spalatrice rimuove la Read more.