280700

se mi metto a valutare i caratteri con corpo relativo
se poi mi metto a caratterizzare i corpi con relazioni
mettendo nel dopo la relatività del corpo di prima
senza avere associato al tempo il carattere che metto
nelle minimissime società messe a confronto del corpo
o se lei crede libere di conformarsi alle valutazioni
o ai corpi che si mettono in attesa relativa del dopo
voglia considerare il fatto che tutti o in parte restiamo
quando restiamo senza voler considerare altri fatti
siamo in ansia se restiamo senza considerazione
da parte di quelli che prima e dopo e mai restano
soltanto così ma dopo fatti che ci toccano restano
e l’essere in pochi ci fa considerare dai molti un più
che sarebbe una considerevole restrizione temporale

siamo qui e solidarizziamo con le emergenze sensoriali
ogni forma ci pare un insulto al carattere di sostegno
che ci viene immesso senza ansia per essere valutato
o almeno è così che consideriamo ogni comprensione
che sia nata fuori dal nostro tempo di appartenenza
i nostri sensi in una società di riposo liberato vanno via
si sottraggono alla nostra solidarietà caratterizzante
vediamo in continuazione che le forme si associano
vediamo che così mettendosi non ci caratterizzano
perché noi in concreto tutti o in parte siamo apparenza
c’è perciò questa specie di considerazione negativa
per cui ogni corpo vivo o non vivo è reso relativo
anzi più che relativo nell’apparenza neppure ci sta
ed è così che le valutazioni della continuità ci offendono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PAOLA MOBILE PASQUALE
Dal punto di vista del cane la mia vita vale meno di un qualsiasi singolo osso. E’ un fatto. Lo Read more.
SIDEWAYS
  (foto di Rosanna Costantino, 2020) Read more.
IL FUMO 1 (da Favole del ’68)
spasimavo dalla voglia di stringere il collo e la testa del fumo usvardi mi sentivo se stavo col turchese tosato Read more.
(capitolo ventiseiesimo) E GLI AVOCADO SPARIRONO NEL GIRO DI UNA NOTTE
– Scendendo Pablo ha sventato lo scasso. Fortuna asciuga gennaio. Silenziosi invisibili come acqua nell’acqua distillata buona per stirare profittare Read more.
FINE SERVIZIO
Mi cambio lentamente, mi siedo sulla tazza del cesso per allacciarmi i sandali, mi accendo una sigaretta. Di là, dal Read more.
GLI SPAGHETTI DISMESSI
era un bel tempo quello in cui salmodiavi senza capire che il vento avrebbe travalicato il nostro autunno fiero di Read more.
EPISODIO 6 / UNA COSA BUONA
Anche se imperfette, irriconosciute, casuali le cose buone si prendono, riflette Johnny. Poi ci si rivolge alla ditta Rammèmori per Read more.
LA CAPRA
  Nel retroquadro la capra, nascosta alle voglie di Pan, rintraccia le briciole che Pollicino ha seminato. Al sicuro da Read more.
ALTRI FRAMMENTI (13)
L’apertura in città di grandi centri commerciali ci ha, inizialmente, incuriosito. Alcune linee dei nuovi tram elettrici sfociano in prossimità Read more.